Ebreo Ilham

L'attivista uigura afferma che la legislazione statunitense "solo l'inizio"

1
Lavoro forzatoLegge e politica

Jewher Ilham è una sostenitrice dei diritti umani, autrice e figlia dello studioso uiguro Ilham Tohti, il famoso attivista e difensore dei diritti umani che il regime cinese ha condannato nel settembre 2014 all'ergastolo per "istigazione al separatismo". La sua ubicazione è attualmente sconosciuta.

La recente attuazione dell'Uyghur Forced Labor Prevention Act (UFLPA) negli Stati Uniti ha segnato un'importante pietra miliare nella lotta per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura.

In un'opinione per Fondazione Thomson Reuters, Jewher spiega come dobbiamo fare di più per fermare gli abusi contro gli uiguri.

La legge uigura sulla prevenzione del lavoro forzato è solo l'inizio

Dopo anni di centinaia di attivisti come Jewher e Ilham Tohti che hanno sensibilizzato sul lavoro forzato uiguro, gli Stati Uniti, il più grande importatore mondiale di merci, hanno finalmente preso una decisione di politica commerciale: nessun bene prodotto nella regione dello Xinjiang può entrare nel Paese perché si presume siano stati prodotti attraverso il lavoro schiavo degli uiguri e delle minoranze musulmane.

L'UFLPA è una delle poche leggi emanate dal Congresso negli ultimi decenni che attribuisce a marchi e rivenditori la responsabilità di ciò che accade ai lavoratori stranieri che creano i loro prodotti: la legge costringerà queste aziende a smettere di rifornirsi da fornitori complici dell'uso del lavoro forzato. Jewhere aggiunge, tuttavia:

“Come uiguro, sono rincuorato da questo passo cruciale verso la protezione della mia comunità e degli altri popoli turchi e musulmani perseguitati in Cina. La normativa stabilisce un precedente che potrebbe cambiare il corso della storia, ma questo è solo l'inizio".

Nella sua colonna delle opinioni, delinea anche i principali impatti che questa legge avrà sui diversi settori che desiderano fare affari negli Stati Uniti, nonché sui nuovi espedienti che le società potrebbero inventare per eludere la legge.

Dal momento che il Dipartimento per la sicurezza interna e altre agenzie governative statunitensi competenti hanno promesso l'applicazione completa e vigorosa dell'UFLPA, le società cercheranno nuove scorciatoie.

Il ruolo della Commissione Europea

Jewher, come parte dell'organizzazione indipendente di monitoraggio dei diritti del lavoro Worker Rights Consortium, sottolinea ciò che molte altre organizzazioni temono riguardo ai marchi che commerciano anche in altri paesi, dove non esiste una legge simile all'UFLPA.

"Esiste il rischio che alcune società possano deviare i beni contaminati dal lavoro forzato verso mercati in cui non è in vigore una legislazione completa che limiti le importazioni, come Australia, Giappone e UE".

Jewher identifica un altro rischio, ovvero che le aziende dividano la loro catena di approvvigionamento per conformarsi alla legislazione statunitense, pur continuando a beneficiare del lavoro forzato vendendo prodotti della regione uigura in questi altri mercati. Ad esempio, se le merci di un marchio vengono sequestrate in porto dalle autorità di regolamentazione statunitensi perché tali merci violano l'UFLPA, il marchio ha il diritto di riesportare le merci e tentare di venderle in un altro paese.

Mentre la Commissione europea si è impegnata a introdurre una sorta di divieto all'importazione di prodotti realizzati con il lavoro forzato, non esiste ancora una regolamentazione concreta. Freedom United come parte del Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura chiede quindi a tutti i marchi internazionali di applicare un unico standard globale – in linea con l'UFLPA – in tutti i loro mercati al dettaglio. Jewher afferma chiaramente nella sua colonna:

"Abbiamo bisogno che tutti i leader mondiali si rifiutino di consentire alle aziende che operano all'interno dei loro confini di beneficiare del lavoro forzato uiguro e abbiamo bisogno che ogni azienda si renda conto delle conseguenze di queste azioni e ripulisca le proprie catene di approvvigionamento."

Gli Urban Outfitters devono fare di meglio

A seguito delle pressioni degli attivisti, Urban Outfitters ha aggiornato il suo Dichiarazione sul lavoro forzato il 20 giugno 2022, un giorno prima dell'entrata in vigore della nuova legge, in cui si afferma:

"Sebbene comunichiamo e ribadiamo continuamente le nostre politiche ai nostri fornitori, riconosciamo che una quantità significativa di cotone mondiale proviene da XUAR. Continueremo ad adottare misure per migliorare la nostra due diligence all'interno della nostra catena di approvvigionamento per assicurarci di non contribuire ai regimi di lavoro forzato. Ad esempio, stiamo implementando un programma Cotton Risk Screen, oltre a impegnarci nella mappatura della catena di approvvigionamento, per assicurarci di avere visibilità sui livelli a monte della nostra catena di approvvigionamento e poter dare priorità alla due diligence nel modo più efficace".

I passaggi devono essere trasparenti e continuiamo a chiedere che pubblichino l'elenco dei fornitori e degli intermediari con cui intrattengono rapporti commerciali. L'UFLPA è un primo passo, ma dobbiamo continuare a spingere per porre fine al lavoro forzato uiguro. Dì ai marchi di moda di finire #LavoroForzatoModa ovunque qui.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
pagliaio
pagliaio
24 giorni fa

Xi ha reso la Cina un paria, nulla dovrebbe essere comprato dal PCC.