di cotone

In che modo la nuova legge contro il lavoro forzato nello Xinjiang avrà un impatto sulla moda

0
Lavoro forzatoLegge e politica

Il 21 giugno è finalmente entrata in vigore la legge uigura sulla prevenzione del lavoro forzato (UFLPA). Questa legge impedisce a qualsiasi prodotto fabbricato parzialmente o totalmente nello Xinjiang, nel nord-ovest della Cina, di entrare nel territorio degli Stati Uniti poiché si presume che questi prodotti siano legati al lavoro forzato. Il guardiano riporta la portata di questa legge e il suo impatto sull'industria della moda, dato che il 20% del cotone mondiale proviene dalla Cina e l'84% dallo Xinjiang.

Il cotone come un'alta priorità di applicazione

L'UFLPA ha designato il cotone come una "priorità assoluta per l'applicazione" insieme ai pomodori e al polisilicio. Come Il guardiano sottolinea giustamente, anche tutti i marchi di moda britannici o europei che esportano negli Stati Uniti saranno soggetti a questa legge e la mancata fornitura di una certificazione adeguata o dei dettagli della catena di approvvigionamento comporterà multe fino a $ 250,000 (£ 205,000).

Il divieto pone grossi problemi all'industria della moda poiché il cotone dello Xinjiang è onnipresente nelle catene di approvvigionamento, come sottolinea Liv Simpliciano di Fashion Revolution:

"La difficoltà è che nella fase iniziale [quando le fibre vengono separate dai loro semi], il cotone proveniente da luoghi disparati viene mescolato insieme, rendendo impossibile risalire alla provenienza".

Blockchain, tracciabilità e reputazione per le aziende di moda

Diverse aziende tecnologiche, tra cui TrusTrace, SupplyShift e TextileGenesis, prevedono di utilizzare blockchain e intelligenza artificiale per tracciare le catene di approvvigionamento dei marchi di moda. I marchi possono utilizzare le piattaforme per registrare tutti i loro ordini di acquisto e le certificazioni.

Per dimostrare in modo definitivo l'assenza del cotone dello Xinjiang, i marchi dovrebbero mostrare una "catena di custodia digitale completa", afferma Shameek Ghosh, CEO di TrusTrace, "in cui un marchio ha il pieno controllo della sua catena di approvvigionamento dalla fattoria in poi".

A causa del regolamento generale sulla protezione dei dati, TrusTrace non viene avvisato se il cotone dello Xinjiang viene trovato nella catena di approvvigionamento di un marchio. "Solo il marchio è informato", aggiunge Ghosh. "Non userebbero una piattaforma come questa [se fossero esposti]".

Tuttavia, la tecnologia blockchain non è priva di problemi. "Se ti affidi alla discrezione del marchio per ratificare le loro pratiche di approvvigionamento, quale sarà l'efficacia?" ha chiesto Philippa Grogan di Eco-Age. "Inoltre, la tecnologia blockchain non è regolamentata, quindi crea un ambiente di rischio: la mancanza di supervisione normativa la rende vulnerabile alla manipolazione del mercato".

Le aziende non potranno più vendere prodotti realizzati con #Lavoro forzato uiguro negli Stati Uniti. Dì ai marchi di moda di finire #LavoroForzatoModa ovunque qui.  

 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti