carcere

Le persone incarcerate negli Stati Uniti producono beni per un valore di 11 miliardi di dollari all'anno ma non possono permettersi una saponetta

0
Legge e politicaSchiavitù carceraria

Approvato dal Congresso degli Stati Uniti il ​​31 gennaio 1865, il 13° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti abolita la schiavitù. Ma, a causa di una clausola di eccezione, l'emendamento ha consentito alla schiavitù di rimanere legale come punizione per un crimine, consentendo così agli stati di estorcere lavoro gratuito ai prigionieri. Oggi, negli Stati Uniti, oltre il 65% delle persone incarcerate afferma di essere costretto a lavorare in carcere per una paga scarsa o nulla, mentre il loro lavoro genera miliardi di dollari ogni anno per governi e aziende private.

In collaborazione con l'Università di Chicago, si è sviluppata l'American Civil Liberties Union (ACLU). "Lavoro in cattività: sfruttamento dei lavoratori incarcerati", uno studio sul lavoro carcerario in tutto il paese. Le conclusioni dello studio sono nette: il lavoro carcerario è intrinsecamente coercitivo e sfruttatore. I lavoratori incarcerati non sono protetti dalle leggi sul lavoro standard, inclusi il salario minimo, la protezione degli straordinari, il diritto a sindacalizzare e le garanzie di sicurezza sul lavoro. La mancanza di formazione e di adeguati dispositivi di protezione e le cattive condizioni di lavoro comportano notevoli rischi per la salute e la sicurezza.

Il guardiano esamina alcune delle indicazioni e delle testimonianze più salienti di persone incarcerate che dimostrano uno sfruttamento sistematico negli Stati Uniti Secondo questo rapporto, oltre a documenti pubblici, questionari e interviste, quasi due terzi di tutti i prigionieri – che rappresentano 800,000 persone – hanno un lavoro in carceri statali e federali.

Il valore di una forza lavoro prigioniera e sfruttata

The Guardian cita Jennifer Turner, uno degli autori principali del rapporto:

"I governi statali e il sistema carcerario stanno estraendo un enorme valore da una forza lavoro prigioniera e sfruttata mentre affermano di non potersi permettere di pagare loro un salario vivibile".

Secondo il rapporto, i lavoratori incarcerati guadagnano in media tra 13 centesimi e 52 centesimi all'ora. Inoltre, la maggior parte dei loro salari viene spesso trattenuta per tasse, vitto e alloggio e spese processuali. Sette stati - Alabama, Arkansas, Florida, Georgia, Mississippi, Carolina del Sud e Texas - non pagano nulla per la maggior parte del lavoro carcerario.

The Guardian cita Latashia Millender, incarcerata in una prigione dell'Illinois:

“Stiamo risparmiando [dalle carceri] milioni di dollari e ottenendo in cambio dei penny pagati... Tutti i lavori che stiamo facendo in prigione non ci stanno davvero avvantaggiando; è più vantaggioso per il sistema carcerario. Faccio un lavoro guadagnando $ 450 per un anno intero.

I numeri nel settore carcerario di lavoro forzato

Oltre il 75% dei lavoratori intervistati dagli investigatori dell'ACLU ha notato che se non sono in grado o si rifiutano di lavorare, ricevono punizioni che vanno dall'isolamento alla perdita delle visite familiari al rifiuto della riduzione della pena.

Inoltre, alla stragrande maggioranza non vengono fornite competenze e formazione per ottenere un impiego al momento del rilascio dal carcere: il 70% degli intervistati ha affermato di non aver ricevuto una formazione professionale formale e il 70% ha affermato di non poter nemmeno acquistare beni di prima necessità come sapone o pagare il telefono chiama con il loro stipendio.

Gli individui incarcerati nei programmi del settore carcerario in tutto il paese hanno generato beni e servizi per un valore di 2.09 miliardi di dollari nel 2021. Inoltre, il rapporto stima che il lavoro di manutenzione dei detenuti valga 9 miliardi di dollari all'anno, ma avverte che non sono disponibili dati centralizzati sul valore di questo lavoro e che la cifra era probabilmente una sottostima approssimativa sulla base di studi precedenti.

Freedom United ti invita ad agire per affrontare questa situazione chiedendo la fine della clausola punitiva nel 13° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti. Inoltre, chiediamo a tutti i settori di disinvestire e terminare i contratti con strutture abusive e di riformare i contratti in modo che le persone incarcerate e i detenuti immigrati ricevano salari equi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti