UN

L'ONU istituisce un organo di accertamento dei fatti in Libia

1
Schiavitù In conflitto

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha compiuto un passo importante per indagare sugli abusi di tutte le parti in Libia, inclusa la tratta di esseri umani, istituendo un organo di accertamento dei fatti.

Una risoluzione approvata per consenso è stata presentata dal Gruppo africano al Consiglio per i diritti umani a Michelle Bachelet, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, chiedendo all'organismo delle Nazioni Unite di dispiegare una missione conoscitiva nel paese nordafricano per indagare sulle violazioni di diritti umani internazionali e diritto umanitario dal 2016.

La risoluzione ha anche chiesto di conservare le prove in modo che i trasgressori possano essere ritenuti responsabili.

"L'istituzione di una missione di accertamento dei fatti sugli abusi in Libia è un campanello d'allarme per i signori della guerra e i gruppi armati che potrebbero essere ritenuti responsabili per i gravi crimini commessi dai loro ranghi", ha detto Eric Goldstein, che agisce in Medio Oriente e Nord Africa direttore di Human Rights Watch.

"Ciò che è importante ora è che i paesi del Consiglio per i diritti umani assicurino che questo nuovo organismo riceva il sostegno necessario e i rinnovi necessari dopo il suo mandato iniziale di un anno per adempiere al suo mandato".

Human Rights Watch relazioni:

Human Rights Watch ha documentato la difficile situazione di diverse migliaia di migranti e richiedenti asilo detenuti detenuti in condizioni disumane nelle strutture di detenzione gestite dal Ministero dell'Interno del GNA e da trafficanti e trafficanti, dove sono sottoposti a lavori forzati, percosse e aggressioni sessuali.

Negli ultimi anni, Human Rights Watch ha documentato violazioni sistematiche e grossolane dei diritti umani e del diritto umanitario da parte di gruppi armati di tutte le parti, inclusi tortura e maltrattamenti, stupri e altri atti di violenza sessuale, arresti e detenzioni arbitrarie, sfollamenti forzati, illegalità uccisioni e sparizioni forzate. Alcuni di questi crimini possono equivalere a crimini contro l'umanità.

Gli sforzi interni e internazionali insufficienti per garantire una misura di responsabilità per i crimini gravi passati e in corso in Libia hanno incoraggiato coloro che sono coinvolti nel conflitto armato a commettere violazioni e abusi impunemente, ha affermato Human Rights Watch.

Il conflitto in Libia è tra due parti: il governo di accordo nazionale (GNA) riconosciuto a livello internazionale e con sede a Tripoli e il governo ad interim rivale con sede nella Libia orientale e affiliato al gruppo armato noto come Libyan Arab Armed Forces (LAAF).

Mentre il conflitto armato nella capitale Tripoli si è concluso il 5 giugno 2020, quando il LAAF e le sue affiliate si sono ritirate, ci sono ancora scontri a Sirte e in altre parti del paese.

Human Rights Watch ha aggiunto che GNA è anche responsabile di non aver protetto i cittadini, di non averli protetti ai sensi del diritto internazionale umanitario.

Hanno eseguito bombardamenti e attacchi indiscriminati, così come non sono riusciti a impedire ai civili di trovarsi vicino alle strutture militari mirate nel conflitto.

Di conseguenza, questa nuova missione di accertamento dei fatti ha il potenziale per ritenere responsabili gli autori di abusi da entrambe le parti del conflitto.

"Anche se ha un compito arduo da svolgere, dovrebbe sforzarsi di identificare i responsabili delle violazioni, compresi gli attori esterni, preservare le prove ove possibile per futuri procedimenti penali e riferire pubblicamente sulla situazione dei diritti umani in Libia", ha detto Goldstein.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Stefano Fayers
Stefano Fayers
2 anni fa

Che ne dici dell'ONU che persegue i fautori degli eventi destabilizzanti che hanno portato a questa situazione. Non mi dispiacerebbe se perseguissero e perseguissero anche i fabbricanti e venditori delle armi fornite e usate. Sig. Blair - vogliamo ancora che tu sia tenuto a rendere conto del sangue sulle tue mani ,,, ……… ..