Le agenzie cinesi di monitoraggio del lavoro sono compromesse?

Le agenzie cinesi di monitoraggio del lavoro sono compromesse?

0
Lavoro forzatoSupply Chain

Le catene di approvvigionamento globali sono diventate così complesse da rendere difficile la responsabilità per la protezione dei diritti umani. Come illustrato nel nostro interattivo Mappa della libertà, il lavoro forzato è ovunque, dai vestiti che indossiamo al cibo che mangiamo. Tuttavia, con un'adeguata due diligence, è possibile tracciare e monitorare gli episodi di violazione, come il lavoro forzato.

Ora esistono organizzazioni non profit e società il cui unico compito è verificare la conformità delle aziende agli standard dei diritti umani e del lavoro. Ma cosa fare se quelle agenzie sono esse stesse compromesse?

Il caso di Better Cotton

La Better Cotton Initiative (BCI) esiste per promuovere il cotone “sostenibile”. Una delle loro guide principi è "lavoro dignitoso". Tuttavia, BCI ha collaborato per diversi anni con lo Xinjiang Production and Construction Corps (XPCC). L'XPCC gestisce i campi di lavoro forzato in cui sono detenuti gli uiguri e altri gruppi turchi musulmani.

Anche dopo la pubblicazione di rapporti conclusivi che denunciavano la persecuzione e il lavoro forzato sistematico supervisionato dall'XPCC, BCI ha comunque operato nella regione uigura per qualche altro anno. Non hanno lasciato la regione fino a quando l'Office of Foreign Assets degli Stati Uniti non ha vietato le transazioni con l'XPCC. A quel tempo, hanno affermato di aver lasciato a causa di continue accuse di lavoro forzato e altre violazioni dei diritti umani. Tuttavia, a seguito di una reazione della Cina contro le aziende che hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche di non utilizzare il cotone della regione uigura, BCI ha rimosso la sua dichiarazione dal suo sito web.

La Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura ha cercato di contattare BCI in merito alla rimozione della sua dichiarazione e alla posizione attuale. Tuttavia, da allora, BCI si rifiuta di commentare il motivo per cui ha lasciato la regione.

Questa preoccupante serie di eventi pone la domanda: come facciamo a sapere che i guardiani del lavoro stanno facendo il loro lavoro?

Chi controlla i monitor?

BCI non è sola nelle sue lacune di responsabilità. Iniziative di monitoraggio rispettate e popolari, come Social Accountability International, Sedex e Social & Labor Convergence Program (SLCP), si affidano a società private per valutare stabilimenti e aziende. Il problema con questo modello è evidente.

Secondo Al Jazeera,

I critici ... sostengono che questo modello - in cui le aziende monitorano altre società utilizzando criteri volontari - spesso non è riuscito a identificare i rischi per il lavoro e la sicurezza ed è particolarmente mal progettato per il contesto cinese, con la sua sorveglianza pervasiva e gli scarsi diritti del lavoro.

"Una [valutazione] non può affrontare questioni strutturali più ampie né l'intero modello di business e il contesto in cui si sta verificando la produzione", ha detto ad Al Jazeera Nana Frishling, esperta di affari e diritti umani con sede in Australia.

Ciò è particolarmente vero per la Cina, dove, secondo il Dipartimento di Stato americano, gli osservatori della catena di approvvigionamento "sono stati detenuti, molestati, minacciati o fermati all'aeroporto".

Le continue pressioni da parte della comunità internazionale, come nel caso di BCI, possono aiutare a rendere responsabili i cani da guardia.

Unisciti a noi nell'invitare la Cina a smantellare il suo sistema di lavoro forzato uiguro!

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti