Il costo umano della politica migratoria dell'UE in Libia

2
Lavoro forzatoSchiavitù In conflitto

La guerra in Libia sta aggravando la crisi dei migranti e dei rifugiati. E il sostegno dell'Unione europea ai regimi autoritari è parte del problema, secondo il Consiglio europeo per le relazioni estere.

Con l'aiuto dell'UE, la guardia costiera libica ha intercettato barche di migranti e rifugiati nel Mar Mediterraneo, riportandoli nella capitale libica e gettandoli nei centri di detenzione per migranti.

Questi centri sono stati famigerati per condizioni deplorevoli, tra cui detenzioni arbitrarie, torture, fame e schiavitù. Incredibilmente, circa 200 migranti sono stati rimandati al centro di detenzione di Tajoura pochi giorni dopo essere stati colpiti da un attacco aereo, uccidendo 53 persone all'interno.

ECFR spiega:

Questa oscura realtà della politica migratoria europea mette in luce la tensione tra le ambizioni dell'UE come potere normativo e il suo percepito interesse personale a ridurre la migrazione ad ogni costo. Ciò include la creazione di partenariati con regimi autoritari o paesi fratturati e dilaniati dalla guerra per impedire agli aspiranti migranti e rifugiati di raggiungere l'Europa.

Poiché la Libia non ha un settore di sicurezza regolare, le milizie sono diventate partner europei nella politica migratoria. In quanto tali, i centri di detenzione per migranti, molti sostenuti finanziariamente dal Fondo fiduciario dell'UE per l'Africa, sono semplicemente prigioni improvvisate aggiunte alle basi delle milizie esistenti. Ciò significa che i migranti sono intrappolati tra depositi di armi e armerie, ora nel mezzo di una zona di guerra.

In effetti, il centro di detenzione di Tajoura è uno di questi campi, adiacente alle baracche della milizia filo-governativa, della brigata Dhaman e del loro laboratorio di armi. I sopravvissuti all'attacco del 3 luglio affermano che la milizia locale li ha costretti a lavorare nell'armeria. Se si sono rifiutati, avrebbero rischiato di essere uccisi.

L'ECFR rileva che alcuni politici hanno sostenuto che c'è una storia di successo da vedere nelle politiche di migrazione hardline; il numero di migranti e rifugiati che raggiungono le coste europee è diminuito.

Tuttavia, mentre quella cifra è diminuita, il tasso di decessi è aumentato: "un decesso ogni 38 arrivi nel 2017 a uno ogni 14 arrivi nel 2018, a uno ogni tre arrivi nei primi quattro mesi del 2019".

In secondo luogo, l'UE non è una "potenza militare", scrive l'ECFR.

“Il suo ruolo sulla scena internazionale è guidato dall'aspirazione ad essere un soft power, promuovendo la riforma democratica e i diritti umani. Eppure gli accordi sulla migrazione dell'UE con partner dubbiosi stanno contaminando in modo indelebile questo capitale simbolico e il suo potenziale futuro per sostenere la pace e la stabilità ".

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Charlie Browne
Charlie Browne
3 anni fa

Sebbene sia lodevole salvare le persone dal mare, crea un "fattore di attrazione" che chiama più a tentare il viaggio
La maggior parte sono migranti economici che cercano una vita migliore nell'Europa sovraffollata (BBC News)
-Chi potrebbe biasimarli?
Molti portano ideologie antipatiche alle tradizioni europee di tolleranza
Fare una dichiarazione sullo stile di vita e fare affari fuori dal pattugliamento della costa libica per fornire un servizio di taxi è riprovevole
Libia + i loro paesi di origine dovrebbero essere messi al sicuro con i fondi

Annabel Price Bedini
Annabel Price Bedini
2 anni fa
Rispondi a  Charlie Browne

Charlie Browne
Quello che dici è il mito attuale delle potenze europee che vogliono fermare l'immigrazione a tutti i costi. In realtà non esiste un "fattore di attrazione". Gli immigrati che arrivano fino alla Libia fanno parte di un processo di tratta che non possono controllare. Quando sono arrivati ​​così lontano non hanno la capacità di impedirsi di essere caricati su barche e inviati attraverso il Mediterraneo. Molti di loro sceglierebbero di tornare a casa se non significasse morte certa in arrivo, senza che i trafficanti organizzino il viaggio.