Il Giappone è l'unico membro del G-7 a non imporre sanzioni alla Cina per il lavoro forzato

0
Lavoro forzatoSupply Chain

Nell'ottobre 2021, i ministri del Commercio dei paesi del G-7, le nazioni più ricche del mondo, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui si impegnano a sradicare il lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento globali.

I ministri hanno affermato: "Affermiamo che non c'è posto per il lavoro forzato nel sistema commerciale multilaterale basato su regole". La dichiarazione riconosce l'importante ruolo svolto dalla politica commerciale nel prevenire, identificare ed eliminare il lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento globali.

Tuttavia, gli impegni variano nelle sette principali economie del mondo: Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. Di recente, hanno sottolineato gli attivisti per i diritti umani e il commercio equo Gli sforzi insufficienti del Canada. Ora in un articolo in Il Diplomat, due esperti di diritti umani e politica commerciale del Centro legale sulla tratta di esseri umani hanno anche messo in guardia sul mancato intervento del Giappone nel lavoro forzato sistematico nella regione uigura cinese.

Posizione del Giappone sul lavoro forzato in Cina

Anasuya Syam e Airin Ri del Centro legale sulla tratta di esseri umani a Washington, DC sottolineano che il risoluzione il governo giapponese approvato il 1° febbraio 2022 suggerisce solo la possibilità di condurre un'indagine per determinare la portata del problema uiguro e caratterizza il lavoro forzato come una grave “situazione” dei diritti umani piuttosto che una sistematica e massiccia campagna portata avanti dal governo cinese .

I commenti del governo giapponese sull'Uyghur Forced Labor Prevention Act (UFLPA) suggeriscono anche che il suo interesse principale è ottenere esenzioni per le merci che le aziende giapponesi e le loro affiliate cinesi esportano negli Stati Uniti. 


I numeri del lavoro forzato in Giappone

Nella loro colonna, Syam e Ri dettagliano alcune delle statistiche come prova dell'impatto del lavoro forzato in Giappone:

  • Il Giappone è il secondo importatore di prodotti legati al lavoro forzato (per un valore di 47 miliardi di dollari) dopo gli Stati Uniti. 
  • Si sospetta che l'86% dei laptop, computer e telefoni cellulari giapponesi prodotti in Cina e Malesia (del valore di 22.4 miliardi di dollari all'anno) siano legati al lavoro forzato. 
  • Circa l'80% di tutti i vestiti e gli accessori importati dal Giappone (per un valore di 20.6 miliardi di dollari) da Cina, Argentina, Brasile e altri paesi sono anche potenzialmente legati al lavoro forzato.

 

I divieti di importazione come strumento efficace contro il lavoro forzato

Il Giappone ha recentemente annunciato che elaborerà linee guida sulla due diligence per le aziende per rilevare e prevenire le violazioni dei diritti umani nelle catene di approvvigionamento. Tuttavia, gli esperti affermano che il governo giapponese può – e dovrebbe – adottare un divieto di importazione simile alla Sezione 307 del Tariff Act statunitense, che vieta l'ingresso negli Stati Uniti di prodotti realizzati con il lavoro forzato.

La Cina non abbandonerà la sua politica statale di lavoro forzato a meno che le principali economie e i principali partner commerciali non creino la necessaria pressione economica sul governo cinese. Gli esperti considerano quindi i divieti di importazione uno degli strumenti commerciali più potenti oggi disponibili per scoraggiare il lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento globali.

Gli esperti affermano che è imperativo che tutte le nazioni del G-7 presentino un fronte unito e lavorino insieme per eliminare il lavoro forzato dal sistema commerciale. È tempo che il Giappone prenda un'azione decisiva contro la schiavitù moderna. 

Guarda la prima del nuovo stimolante documentario sulla conservazione del campagna invitando il governo cinese a liberare gli uiguri dai lavori forzati. Oltre 85,000 persone si sono già pronunciate contro la schiavitù e il lavoro forzato nella regione uigura.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti