Porre fine al lavoro forzato uiguro

Il Canada non sta facendo abbastanza per combattere il lavoro forzato, affermano gli esperti

0
Lavoro forzatoLegge e politica

 In linea con l'impegno nell'ambito dell'Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA), che ha sostituito l'Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA), il Canada ha modificato il suo Customs Tariff Act per vietare le importazioni di lavoro forzato il 1 luglio 2020. In questi quasi da due anni, tuttavia, le guardie di frontiera canadesi hanno sequestrato un solo carico di vestiti proveniente dalla Cina sospettato di essere fabbricato con il lavoro forzato. 

Il Globe and Mail analizzare i motivi per cui il Canada non sta compiendo sforzi sufficienti per combattere il lavoro forzato e dettagliare le differenze tra le normative canadesi e quelle degli Stati Uniti. Attivisti e specialisti esortano il Canada a chiedere agli Stati Uniti, che hanno più fondi per le forze dell'ordine, di condividere le proprie informazioni.

I numeri del commercio contaminato dal lavoro forzato negli Stati Uniti


Da quando l'USMCA è entrato in vigore, secondo i dati della stessa US Customs and Border Protection (CBP), sono già state sequestrate più di 1,300 spedizioni dallo Xinjiang presumibilmente effettuate da schiavi. Di questi sequestri, 811 spedizioni riguardavano cotone e pomodoro e 511 erano prodotti fabbricati da Hoshine Silicon Industry Co. Ltda, un'azienda con sede nella regione uigura che produce uno dei materiali chiave per i pannelli solari.

Il valore combinato di tutti i sequestri è di 209 milioni di dollari. Inoltre, per l'anno fiscale 2021 – che va dal 1 ottobre 2020 al 30 settembre 2021 – sono state sequestrate anche 1,400 spedizioni di beni di lavoro forzato provenienti da vari paesi del mondo.

Mancanza di fondi in Canada per fermare il lavoro schiavo

Gli esperti del commercio affermano che il divario nei controlli tra i due paesi non può essere attribuito semplicemente al volume più elevato degli scambi tra Stati Uniti e Cina. Piuttosto, il governo canadese non sta prendendo azione abbastanza forte né sta investendo risorse per far rispettare la nuova legge, né sta gestendo adeguatamente la raccolta delle informazioni. Il governo federale si è impegnato ad affrontare seriamente quest'ultimo punto già nel gennaio 2021. 

L'articolo mette in evidenza una dichiarazione di Michael Nesbitt, un professore di diritto all'Università di Calgary che in precedenza ha lavorato nella divisione sanzioni del governo federale. Annota:

"Non sarà sorprendente vedere il triste record del Canada di applicazione dei regimi sanzionatori, il divieto di lavoro forzato e di lavoro carcerario e altre restrizioni simili,".

Inoltre, Cyndee Todgham Cherniak, avvocato del commercio internazionale con sede a Toronto, aggiunge che la Canada Border Services Agency (CBSA) non dispone di personale sufficiente per determinare attivamente quali aziende potrebbero essere coinvolte nel lavoro forzato e che il Canada non ha dedicato risorse né alle sue dogane né ai suoi polizia federale a questi problemi.

"Non sembra essere una priorità perché non stanno allocando le risorse necessarie, quindi ci sarebbero persone che fanno il lavoro per essere in grado di individuare queste transazioni", ha affermato.

Dalla Canada Border Services Agency, la portavoce Rebecca Purdy ha dichiarato: "Il Canada è ancora nelle prime fasi di attuazione del divieto di lavoro forzato", mentre gli Stati Uniti hanno una legge che vieta tali importazioni dal 1930. Ha affermato che vari dipartimenti governativi sono lavorando per "l'effettiva operatività del divieto" e parlando con i partner stranieri.

Differenze tra le normative canadesi e statunitensi

Negli Stati Uniti, l'Uyghur Forced Labor Prevention Act ha una regola "reverse-onus" che impone a coloro che spediscono merci dallo Xinjiang l'onere di dimostrare che questi articoli sono privi di lavoro forzato. Ciò significa che il governo degli Stati Uniti considera ufficialmente tutti i beni "prodotti in tutto o in parte" nello Xinjiang come prodotti con il lavoro forzato e "quindi vietata l'importazione".

In Canada, i funzionari della Canada Border Services Agency (CBSA) possono vietare le merci solo se esiste la prova che le importazioni sono contaminate dal lavoro degli schiavi o delle carceri. Ciò significa che sono tenuti a trattare le spedizioni "caso per caso, in base alle informazioni disponibili al momento dell'ingresso". 

Unisciti alla campagna che chiede la fine del lavoro forzato uiguro!

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti