I rifugiati mettono in scena la protesta dell'UNHCR per il rifiuto dell'evacuazione dalla Libia

1
Lavoro forzatoLegge e politicaSchiavitù In conflitto

L'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha rifiutato dozzine di richieste di ricollocazione di rifugiati, comprese donne e bambini che erano stati precedentemente detenuti e maltrattati negli orrendi centri di detenzione per migranti gestiti dal governo libico.

L'UNHCR ha affermato di aver dovuto respingere le loro richieste perché "semplicemente non ci sono abbastanza posti disponibili per l'evacuazione e il reinsediamento" da paesi terzi. I rifugiati sono ospitati dall'UNHCR in un centro di transito nella capitale libica.

In risposta al loro rifiuto, i rifugiati hanno organizzato una protesta fuori dal Gathering and Departure Facility (GDF) dell'UNHCR, mostrando cartelli con la scritta "I rifugiati vogliono la pace, non il rifiuto" e "Abbiamo bisogno di un sistema di appello".

I manifestanti hanno detto ad Al Jazeera che circa 87 domande sono state respinte la scorsa settimana - la prima volta che l'UNHCR ha rifiutato tali richieste di trasferimento.

Al Jazeera relazioni:

Il centro è stato istituito a dicembre per ospitare rifugiati e migranti “particolarmente a rischio” salvati dai centri di detenzione per migranti in Libia, dove i gruppi per i diritti umani affermano che gli abusi, tra cui percosse e lavoro forzato, sono diffusi.

Molti di coloro che erano detenuti nei centri di detenzione sono stati catturati dalla guardia costiera libica mentre tentavano di compiere la pericolosa traversata del Mar Mediterraneo verso l'Europa.

L'UNHCR afferma che più di 5,000 rifugiati e migranti sono ancora detenuti in tali centri di detenzione, di cui 3,700 sono “persone preoccupate”. Ai rifugiati le cui richieste di ricollocazione sono state rifiutate per ultimi è stato chiesto di lasciare il GDF per fare spazio ad altri “rifugiati più vulnerabili dai centri di detenzione”, ha detto l'agenzia.

Una madre somala a cui è stato chiesto di lasciare il GDF ha detto di essere troppo spaventata per sé e per il figlio di tre anni per lasciare il centro. “In Libia, è come la Somalia, si combattono a vicenda. Se esci fuori c'è molta violenza ”, ha detto ad Al Jazeera in una telefonata.

"Ti taglieranno, ti chiederanno soldi ... Quando sei una donna e hai figli, e questo paese non è in pace, come possiamo vivere in Libia?"

Una giovane donna eritrea, che era stata precedentemente trattenuta nel centro di detenzione di Tariq al-Matar a Tripoli, ora chiuso, ha detto di essere "presa dal panico" dopo che le è stato chiesto di lasciare il centro dell'UNHCR.

È stata portata al centro di Tariq al-Matar dopo essere stata catturata dalla guardia costiera libica al suo quarto tentativo di attraversare il Mar Mediterraneo. Dice di essere stata fulminata dalle guardie libiche a Tariq al-Matar e teme per la sua sicurezza in Libia.

Un'altra donna eritrea che è fuggita di casa ha detto che l'UNHCR si è offerta di rimpatriarla in Eritrea, un paese dove una dittatura costringe i suoi cittadini alla coscrizione a tempo indeterminato.

“Dicono che è meglio per te se esci da qui, torni nel tuo paese. Ma non possiamo ", ha detto.

"È pericoloso perché siamo scappati, siamo partiti illegalmente".

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Riccardo
Riccardo
2 anni fa

I rifugiati non sono interessati a migliorare il loro paese di origine. A loro interessa solo vivere una bella vita in Europa.