I gruppi per i diritti chiedono al Regno Unito di vietare le importazioni di cotone dallo XUAR

0
Lavoro forzatoLegge e politica

Il Regno Unito dovrebbe bloccare le importazioni di cotone dalla regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR), Cina nord-occidentale, a causa del lavoro forzato sistematico che la sua gente deve affrontare, hanno sostenuto i gruppi per i diritti questa settimana.

In una lettera di 60 pagine alle autorità doganali del Regno Unito, il Global Legal Action Network (GLAN) e il partner di Freedom United World Uyghur Congress (WUC) hanno presentato "prove schiaccianti e credibili riguardanti la portata e la gravità del regime di lavoro forzato nello Xinjiang".

L'invio ha nominato diversi marchi di moda globali popolari nel Regno Unito, tra cui H&M e Ikea, che si riforniscono di cotone da XUAR. Alcuni, come Uniqlo, lo hanno persino dichiarato pubblicamente nelle loro pubblicità.

Con lo XUAR che sta attualmente assistendo a quella che si stima essere la più grande detenzione di massa di una minoranza etnica dalla seconda guerra mondiale, gli autori della lettera sostengono che il Regno Unito potrebbe essere colpevole di "condotta accessoria ai crimini contro l'umanità" nel continuare a importare dalla regione .

Secondo WUC e GLAN, l'importazione di prodotti in cotone dallo XUAR viola inoltre numerose leggi del Regno Unito, inclusa la legislazione che vieta l'importazione di prodotti fabbricati in prigione.

I gruppi sperano che il divieto delle importazioni possa incentivare la Cina a porre fine all'attuale sistema di lavoro forzato.

The Independent relazioni:

Rahima Mahmut, direttore del progetto britannico per il Congresso mondiale degli uiguri e residente nel Regno Unito, ha affermato che la persecuzione delle minoranze musulmane nello Xinjiang dal 2016/17 è stata "quasi un genocidio".

"Ho perso i contatti con tutta la mia famiglia da gennaio 2017, e tutti gli uiguri che vivono in esilio come me vivono all'inferno, non sapendo cosa sia successo", ha detto a The Independent.

"I marchi dovrebbero considerare quando stanno guadagnando da questi prodotti, se provengono da lavoro [forzato] uigura", ha detto. “Dovrebbero rifiutarsi di usare tali prodotti - questo è tutto quello che posso chiedere. 

“Abbiamo cercato in ogni modo possibile di sensibilizzare, raccontando le nostre storie e presentando le prove all'ONU, all'UE e ai governi. Oltre a sollevare preoccupazioni, non è stato fatto nulla. Penso che [vietare il cotone dello Xinjiang] potrebbe essere l'unico modo per spingere il governo cinese a cambiare il loro comportamento, se iniziano a perdere soldi ".

Alcuni marchi hanno già cessato i loro rapporti con i fornitori XUAR e il mese scorso la Better Cotton Initiative (BCI), un certificatore della catena di fornitura globale che ha collaborato con diversi marchi coinvolti, ha ritirato il suo supporto per tutto il cotone di origine XUAR.

L'ufficiale legale di GLAN Dearbhla Minogue ha aggiunto che sebbene la lettera non abbia di per sé un valore legale, "[getta] le basi per un potenziale caso su tutta la linea, se necessario."

Oltre un milione di uiguri e altri membri di gruppi etnici a maggioranza turca e musulmana nella Cina nordoccidentale sono stati detenuti dal 2017, molti dei quali sottoposti a lavori forzati.

Tra un quarto e un quinto della fornitura mondiale di cotone proviene dalla Cina e con l'84% di tale offerta è cresciuta nello XUAR, il che significa che le implicazioni di queste violazioni dei diritti umani sono gravi e di vasta portata.

All'inizio di questo mese, è stato lanciato Freedom United una campagna chiedendo al governo cinese di porre fine al lavoro forzato degli uiguri e di altri gruppi etnici emarginati, sostenuto da più partner tra cui Anti-Slavery International.

Abbiamo raccolto quasi 15,000 firme dal lancio. Aiutaci a mantenere lo slancio e aggiungi il tuo nome oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti