fosse comuni in Libia

Missione ONU in Libia per indagare su segnalazioni di fosse comuni

1
Tratta di esseri umaniSchiavitù In conflitto

Una missione conoscitiva delle Nazioni Unite (FFM) sta cercando di verificare i rapporti di fosse comuni all'interno a hub del traffico in Libia, secondo un rapporto pubblicato il 28 marzo. La Missione ha trovato fondati motivi per ritenere che si siano verificati omicidi, torture e stupri di migranti, rifugiati e richiedenti asilo.  

Le condizioni per le persone che migrano attraverso la Libia per raggiungere l'Europa sono notoriamente pericolose e violente. Come Fondazione Thomson Reuters rapporti, “molti invece si trovano schiavizzati da milizie e trafficanti o costretti a prostituirsi”.

Esperto forense per indagare sulle fosse comuni  

Questo rapporto UN FFM, il secondo di tre basato su una serie di 120 interviste, segnala abusi diffusi nei confronti delle persone nelle strutture di detenzione per migranti della Libia. Al Jazeera riporta: 

"Abbiamo scoperto ulteriori prove che le violazioni dei diritti umani subite dai detenuti in Libia sono diffuse, sistematiche o entrambe", ha affermato in una nota Mohamed Auajjar, presidente della FFM. 

La missione prevede di indagare sui resoconti dei testimoni di fosse comuni nella città di Bani Walid. Diversi intervistati hanno riferito della loro esistenza, con uno che ha raccontato come lui stesso avesse seppellito più corpi lì.  

Il numero di corpi sepolti lì è attualmente sconosciuto, ma Chaloka Beyani, un membro della missione, ha detto che un esperto forense è stato nominato per indagare ulteriormente. 

Violenza sessuale a Bani Walid 

Il rapporto evidenzia anche la prevalenza della violenza sessuale contro le donne migranti a Bani Walid. Al Jazeera riporta: 

“Se i migranti… sentissero la parola Bani Walid, lei o lui inizierebbe a piangere. Hanno dato fuoco e bruciano i seni e le vagine delle donne lì”, ha detto agli investigatori una migrante. 

Cinque donne, tutte provenienti dall'Africa orientale, hanno detto alla FFM di essere state violentate e abusate sessualmente lì. Le guardie hanno detto a una donna che avrebbero ucciso suo marito se non si fosse sottomessa a loro. Altre donne hanno parlato di guardie ubriache che sceglievano le donne da violentare durante la notte.  

Invita l'UE a smettere di facilitare la schiavitù moderna in Libia  

La situazione per migranti, rifugiati e richiedenti asilo in Libia è “molto, molto grave”, secondo Beyani. Eppure, l'UE continua a sostenere la guardia costiera libica per intercettare e trattenere le persone in fuga dalle condizioni lì.  

La comunità Freedom United chiede all'UE e ai suoi Stati membri di smettere di facilitare gli abusi e la riduzione in schiavitù delle persone in Libia. Unisciti a noi oggi aggiungendo il tuo nome.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
marcina arnold
marcina arnold
4 mesi fa

Questo è sbagliato, questi criminali devono essere fermati