Persona che scatta foto sul telefono cellulare

I lavoratori migranti stanno documentando le loro esperienze per guidare il cambiamento

0
Responsabilizzazione dei lavoratori

Gruppi di uomini bengalesi e pakistani stanno aumentando la consapevolezza delle condizioni che devono affrontare come lavoratori agricoli privi di documenti in Grecia. Attraverso Photovoice, uno strumento di giustizia sociale basato sull'arte, registrano le loro esperienze e preoccupazioni e le condividono con il mondo.  

Reena Kukreja, assistente professore di studi sullo sviluppo globale presso la Queen's University in Ontario, ha presentato i propri risultati in una mostra multimediale intitolata Questa è la prova. In un articolo per La conversazione, spiega come le strategie di ricerca orientate ai partecipanti possono consentire alle popolazioni emarginate di raccontare le proprie storie.  

Attivismo da smartphone 

“Partecipiamo per far sentire la nostra voce. Vogliamo cambiare il modo in cui le persone vedono noi e la nostra situazione", disse uno dei partecipanti. Per questi lavoratori, documentare le loro esperienze attraverso foto, video e messaggi consente loro di costruire prove della loro esistenza e delle loro lotte.  

I partecipanti sono tra le migliaia di uomini dell'Asia meridionale che vengono in Grecia ogni anno per lavorare nell'economia informale. Sono spesso spinti a lasciare il loro paese d'origine a causa di sfide come povertà, disordini politici o violenze, ma la loro vita in Grecia non è facile. Molti affrontano il furto di salari e altri accordi di sfruttamento del lavoro. 

Dalla metà del 2018 alla fine del 2021, hanno utilizzato i loro telefoni per documentare gli elementi della loro vita che vogliono amplificare: infortuni sul lavoro, alloggi scadenti e richieste di accesso gratuito alle vaccinazioni. In primo luogo, hanno condiviso questi frammenti tramite WhatsApp, quindi sono passati a Photovoice per raggiungere un pubblico più ampio.  

Uno strumento di autorappresentazione e organizzazione 

Reena Kukreja collabora con molti di questi uomini dal 2017 per la sua ricerca su come le politiche di immigrazione restrittive e lo stato migratorio insicuro guidano i risultati del lavoro e le aspirazioni maschili degli uomini. In The Conversation, riflette sul valore di questa strategia di ricerca visiva e partecipata: 

I partecipanti scattano immagini di ciò che considerano importante e non di ciò che i ricercatori desiderano evidenziare. Le foto sono accompagnate da testi che emergono attraverso conversazioni tra i partecipanti a Photovoice. Queste narrazioni sono spesso utilizzate per sostenere i cambiamenti politici. 

La prospettiva privilegiata unica fornita da Photovoice lo rende estremamente prezioso per la mediazione culturale e l'autorappresentazione.

Sottolinea inoltre che questo strumento ha consentito agli uomini di organizzarsi senza mettersi in pericolo:

Le loro preoccupazioni per essere trattenuti dal radunarsi in un luogo, combinate con orari di lavoro imprevedibili, non hanno impedito loro di poter documentare le loro esperienze. Ciò ha portato a un maggiore dialogo ea un processo decisionale collettivo. 

La mostra è stata presentata per la prima volta nell'aprile 2022 ad Atene e presto sarà in tournée in Canada. Affronta numerosi temi chiave, tra cui l'attraversamento delle frontiere, il duro lavoro manuale, la pandemia di COVID-19 e l'attivismo dei lavoratori.  

Amplificare le voci di persone con esperienza vissuta 

Dal momento che la pandemia ha esacerbato le vulnerabilità esistenti, la difficile situazione dei lavoratori migranti a bassa retribuzione ha ricevuto una notevole copertura mediatica. Tuttavia, pochi punti vendita e piattaforme consentono ai lavoratori di raccontare le proprie storie. Questo progetto esemplifica il valore di conferire potere e consentire alle persone di guidare la narrazione sulle proprie esperienze.  

I lavoratori migranti con uno status migratorio insicuro sono spesso relegati ai margini della società e le vie di comunicazione con la comunità ospitante e i responsabili politici vengono loro sistematicamente negate. In questo contesto, aumenta il rischio di sfruttamento e di schiavitù moderna. Strumenti come Photovoice danno loro un modo per abbattere quelle barriere e ribellarsi al modo in cui la società ha messo a tacere loro e le loro preoccupazioni.  

Note di Kukreja che, per i lavoratori, partecipare a questo progetto è stato un atto politico di resistenza. Lei scrive: "Interrompendo il loro "altro", gli uomini cercano di restituire voce e potere ai lavoratori migranti razzializzati". 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti