I sopravvissuti raccontano gli orrori che le donne migranti affrontano in Libia

“Deterrenza per annegamento”: perché l'UE deve creare canali migratori sicuri

0
Tratta di esseri umaniLegge e politica

La scorsa settimana, Loujin, una bambina siriana di quattro anni, ha trascorso giorni bloccata su una barca prima di morire in mare, secondo Human Rights Watch. In modo allarmante, Loujin è solo una delle oltre 1,200 persone che sono morte nel Mar Mediterraneo finora quest'anno, tentando di raggiungere l'Europa.  

Queste morti sono il risultato della strategia consapevole dell'Europa di dare la priorità al controllo delle frontiere rispetto al salvataggio in mare. La strategia, come lo ha descritto Human Rights Watch, è "deterrenza per annegamento e disidratazione" - due delle numerose cause di morte probabili per le persone lasciate alla deriva in navi inadatte alla navigazione. 

Nonostante sappiano quanto sarà pericoloso il viaggio, le persone ogni giorno mettono in gioco la propria vita, salendo su barche inadatte e prendendo il mare. Si prendono il rischio, perché per la maggior parte non ci sono opzioni più sicure. L'UE delude queste persone e le mette a rischio di sfruttamento e persino di morte.  

In che modo l'UE ha abdicato al suo dovere di ricerca e soccorso? 

Attualmente, non esiste una sola nave di ricerca e soccorso dell'UE che pattuglia attivamente le aree in cui è più probabile che le imbarcazioni incontrino difficoltà. Alarm Phone, una linea diretta per le persone su barche in pericolo, ha segnalato numerosi casi in cui le autorità maltesi hanno chiuso un occhio sulle richieste di aiuto nella loro area di ricerca e soccorso.  

Frontex, l'agenzia della guardia costiera e di frontiera dell'UE, svolge attività di sorveglianza aerea, ma con l'obiettivo di sostenere i respingimenti verso paesi in cui le persone in movimento sono ad alto rischio di schiavitù moderna, come la Libia; non con l'obiettivo di supportare missioni di soccorso.  

Sfruttamento della guida; non combatterlo 

Negli ultimi anni, i governi europei hanno perseguito dure politiche di immigrazione volte a dissuadere le persone dal venire nei loro paesi per vivere. Alcune di queste politiche, come la decisione di interrompere il pattugliamento del mare a fini di ricerca e soccorso, sono state mortali.  

Funzionari governativi hanno giustificato queste politiche come necessarie per combattere la tratta e sconvolgere il modello di business dei trafficanti di esseri umani. Ma l'opposto è vero. Queste politiche stanno guidando lo sfruttamento. Quando le persone sentono il bisogno di lasciare il proprio paese, ma non hanno un modo sicuro per farlo, corrono un rischio molto più elevato di sfruttamento.  

Inoltre, nel caso della Libia, sostenere le autorità libiche nell'intercettare e riportare attivamente le persone in Libia piuttosto che consentire loro di essere soccorse e portate in un paese sicuro significa metterle attivamente a rischio di tratta. Le persone che vengono rimpatriate in Libia vengono spesso portate in centri di detenzione dove rischiano di subire gravi abusi, tra cui estorsioni, torture e lavori forzati.  

Niente più morti 

La politica scandalosamente crudele di lasciare che le persone anneghino in mare, indipendentemente dal fatto che abbiano subito o meno la schiavitù moderna, deve finire. Stati di Human Rights Watch: 

La deterrenza per annegamento e disidratazione è abominevole. In assenza di canali legali e sicuri significativi e del persistere di conflitti, violazioni dei diritti e difficoltà che spingono le persone a fuggire, gli Stati e le istituzioni dell'UE dovrebbero agire ora per proteggere la vita in mare e garantire uno sbarco prevedibile in luoghi sicuri.

La comunità Freedom United chiede ai governi di tutto il mondo di introdurre politiche e leggi sull'immigrazione che proteggano le persone dallo sfruttamento piuttosto che metterle a rischio maggiore. Unisciti a noi oggi.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti