Camicie di cotone in Giappone

Giappone: le principali aziende smettono di usare il cotone dello Xinjiang per i lavori forzati uiguri

1
Lavoro forzatoSupply Chain

Le aziende di abbigliamento dal Giappone si stanno unendo ai marchi internazionali nel boicottare il cotone dalla regione autonoma cinese dello Xinjiang Uyghur. Il boicottaggio arriva in risposta a denunce di lavoro forzato e altre violazioni dei diritti umani inflitte agli uiguri e ad altri gruppi minoritari della regione.  

Sanyo Shokai e TSI Holdings potrebbero creare un effetto a catena? 

Rapporti Nikkei Asia: 

I produttori di abbigliamento giapponesi, tra cui Sanyo Shokai e TSI Holdings, hanno deciso di smettere di usare il cotone dello Xinjiang, seguendo le orme di Mizuno, un'importante azienda di attrezzature sportive e abbigliamento sportivo, e altri. Le mosse dei nomi di abbigliamento giapponesi con influenza all'interno del settore potrebbero creare un effetto a catena per l'intera catena di approvvigionamento tessile. 

Sanyo Shokai, che vende abbigliamento con i marchi Paul Stuart, Epoca e Mackintosh Philosophy, smetterà di usare il cotone dello Xinjiang a partire dalla stagione primavera-estate 2022. Il presidente della Sanyo Shokai Shinji Oe ha detto a Nikkei che la società ha raccolto informazioni sulle questioni relative ai diritti umani nello Xinjiang, ma non è stata in grado di definire i fatti. "Finché c'è dubbio, non abbiamo altra scelta che smettere" di usare il cotone dello Xinjiang, ha detto Oe. 

TSI Holdings, che possiede numerosi marchi di abbigliamento di alto profilo, tra cui Nano Universe, ha eliminato il cotone dello Xinjiang dai suoi prodotti per questa stagione autunno-inverno. Il presidente della TSI Tsuyoshi Shimoji è stato chiaro sulla posizione dell'azienda: "Non useremo [cotone dello Xinjiang] fino a quando le questioni relative ai diritti umani non saranno risolte". 

Altri marchi continuano a utilizzare il cotone Xinjiang 

Tuttavia, altre importanti aziende di abbigliamento in Giappone sono state lente ad agire. Operatore del marchio Muji Ryohin Keikaku non ha né interrotto né ridotto l'uso del cotone dello Xinjiang. La società ha rilasciato una dichiarazione dicendo: "Non siamo stati in grado di confermare il problema [del lavoro forzato], per quanto riguarda la nostra indagine". Nel frattempo, Yamato International ha affermato che utilizzerà solo cotone dello Xinjiang "gestito". 

Il proprietario del marchio Uniqlo, Fast Retailing, afferma di disporre di un sistema per monitorare la produzione dei suoi materiali e garantire che le sue catene di approvvigionamento siano libere dal lavoro forzato. Tadashi Yanai, l'amministratore delegato dell'azienda, ha promesso di "assicurare alti livelli di tracciabilità" durante tutto il processo di produzione per consentire la loro adesione a elevati standard etici. 

Unisciti a Freedom United per sollecitare la Cina a porre fine al lavoro forzato 

Freedom United chiede al governo cinese di porre fine alla persecuzione e allo sfruttamento degli uiguri e di altri gruppi emarginati attraverso l'uso del lavoro forzato. La Cina sta affrontando la pressione dell'aumento dell'attenzione dei media e del boicottaggio dei principali marchi dei prodotti dello Xinjiang. Unisciti a noi per chiedere che smettano subito il lavoro forzato firmando la petizione. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tursunbilgin@gmail.com
Tursunbilgin@gmail.com
1 mese fa

qualcosa di buono