Gli imballatori di carne in Brasile hanno detto di ripulire le catene di approvvigionamento sui collegamenti alla schiavitù moderna

0
Supply Chain

Esperti del lavoro hanno chiesto agli imballatori di carne brasiliani di ripulire le loro catene di approvvigionamento dopo che un'indagine ha scoperto che sei aziende hanno acquistato bestiame da allevamenti che utilizzavano manodopera.

L'azienda brasiliana JBS, una delle più grandi aziende di lavorazione della carne del mondo, ha acquistato bestiame da due allevamenti che in seguito sono finiti nella "lista sporca" del Brasile di aziende che usano il lavoro schiavo.

In Brasile, le aziende i cui lavoratori sono stati salvati dagli ispettori del lavoro sono in grado di difendersi di fronte a un pannello e fare appello alle accuse di schiavitù moderna.

Se l'azienda viene giudicata colpevole dal pannello, viene aggiunta alla "lista sporca" del Brasile, uno degli strumenti più potenti del paese per affrontare la schiavitù moderna.

Le aziende che si trovano nella "lista sporca", che attualmente comprende 114 società, non possono ricevere prestiti statali e hanno restrizioni sulle loro vendite.

L'industria brasiliana della lavorazione della carne, che esporta miliardi di dollari di carne bovina ogni anno, è stata ripetutamente criticata per le cattive condizioni di lavoro.

La legge brasiliana definisce il lavoro forzato come una forma di schiavitù moderna che include condizioni di lavoro degradanti e lunghe ore che rappresentano un rischio per la vita dei lavoratori.

Mentre la "lista sporca" è vista come uno strumento efficace nella lotta alla schiavitù moderna, Xavier Plassat, capo della campagna contro la schiavitù della Pastoral Land Commission, ha affermato che il suo utilizzo per le aziende di confezionamento della carne aveva i suoi limiti.

Reuters relazioni:

Ha detto che la lista includeva solo i nomi di coloro “così sfortunati da essere scoperti” dagli ispettori del lavoro e che la schiavitù nell'industria della carne era diffusa.

Altre aziende citate nell'indagine di Reporter Brasil erano terze parti in schiavitù - comprando bestiame da ranch che compravano il loro bestiame da ranch nella lista nera.

"Il monitoraggio da parte dei confezionatori di carne ... non tiene conto di coloro che riforniscono i loro fornitori", ha affermato Plassat.

"Il lavoro degli schiavi è ancora invisibile."

Il principale procuratore del lavoro anti-schiavitù del Brasile, Lys Sobral Cardoso, ha anche sottolineato le sfide nel rendere gli imballatori di carne responsabili dell'acquisto di bestiame allevato da schiavi.

"Dobbiamo mappare l'intera catena di approvvigionamento e quindi costruire un argomento legale per rendere responsabili i vertici", ha affermato Cardoso. "È ancora qualcosa che stiamo discutendo su come fare."

Unisciti alla campagna che chiede leggi obbligatorie in materia di due diligence sui diritti umani che ritengono le aziende responsabili della schiavitù moderna nelle loro catene di approvvigionamento. Firma oggi la petizione.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti