Sede dell'ONU

Le comunità uigure sollecitano il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani a indagare

0
Lavoro forzato

Questa settimana i rifugiati musulmani uiguri in Turchia hanno organizzato a conferenza stampa a Istanbul per sollecitare il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet a indagare in modo indipendente sui "campi di rieducazione" e sulle accuse di massicce violazioni dei diritti tra cui lavoro forzato, tortura e genocidio quando alla fine di questo mese visiterà la regione uigura cinese. 

La pressione internazionale si sta intensificando e Michelle Bachelet deve fornire risposte. L'hashtag #UNRescueOurFamilies si è moltiplicato sui social e vari attivisti uiguri hanno alzato la voce chiedendo dei loro parenti scomparsi.

Venerdì, il partner di Freedom United, il World Uyghur Congress, insieme ad altre 20 organizzazioni uigure, tibetane e internazionali per i diritti umani, ha ospitato la propria conferenza stampa a Ginevra chiedendo al capo delle Nazioni Unite per i diritti umani di consultarsi con i gruppi per i diritti umani prima della sua visita.

Mirza Ahmet Ilyasoglu, uigura che vive in Turchia, ha dichiarato:

"Se l'ONU andasse lì e ascolterebbe la tesi unilaterale cinese ... verrebbe fuori un rapporto completamente falso che sarebbe molto imbarazzante per l'ONU e l'agenzia per i diritti umani". 

Gulden Sonmez, un avvocato turco, spera che il capo dei diritti delle Nazioni Unite possa camminare senza ostacoli per le strade della regione uigura. “Se ci riesce, vedrà questa verità: le terre del Turkestan orientale sono state quasi completamente trasformate in campi di concentramento. Parliamo di milioni di persone". 

Gli uiguri chiedono all'Onu di agire

Parlando all'agenzia di stampa AFP, Fatma Aziz, ha affermato che il governo cinese ha usato la pandemia di Covid-19 come scusa per costringere i suoi parenti a rimanere a casa prima della visita delle Nazioni Unite. Lei spiegò:

“Mia zia è intrappolata con i suoi due figli a Kashgar. I cinesi hanno imprigionato suo marito solo perché ha recitato il Corano", ha detto Aziz. "Vogliamo che le Nazioni Unite rilascino i nostri parenti". 

Medine Nazimi, una donna uigura la cui sorella è detenuta in uno dei campi nella regione uigura cinese, ha chiesto "risposte reali" su dove si trovasse sua sorella e ha mostrato una sua foto con la didascalia: "Cina, libera mia sorella!"

“Vogliamo che le Nazioni Unite vadano in patria, vogliamo che controllino tutto. Non credete al governo cinese, devono crederci”, ha detto.

Le preoccupazioni sono alte poiché Bachelet non è riuscito a raggiungere un accordo con il governo cinese negli ultimi tre anni. Abdulhakim Idris, direttore esecutivo del Center for Uyghur Studies con sede a Washington, già critica Bachelet per essere stato ampiamente passivo nei confronti dei diritti umani degli uiguri da quando è entrato in carica nel settembre 2018.

Manteniamo la pressione internazionale affinché le Nazioni Unite conducano un'indagine indipendente sul sistematico sistema di lavoro forzato del governo cinese.

Unisciti a oltre 85,000 persone invitando il governo cinese a liberare gli uiguri dai lavori forzati.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti