Maids for Sale: come la Silicon Valley consente i mercati degli schiavi online

1
Schiavitù domesticaTecnologia e strumenti

Non li vedrai per le strade del Kuwait, ma prendi uno smartphone e puoi facilmente cercare migliaia di foto di lavoratori domestici, classificati per razza ed elencati per prezzo. Messo in vendita per poche migliaia di dollari.

Un'indagine sotto copertura della BBC Arabic ha scoperto un mercato nero in forte espansione per i lavoratori domestici migranti in Kuwait, il tutto facilitato dalle app, incluso Instagram di proprietà di Facebook. Utilizzando gli hashtag per trovare gli elenchi delle donne, chi cerca di acquistare una collaboratrice domestica può quindi negoziare la vendita tramite messaggi privati.

Non è solo Instagram; le app approvate e fornite da Google Play e dall'App Store di Apple, nonché dai siti Web delle piattaforme di e-commerce, sono colpevoli di ospitare il contenuto.

"Quello che stanno facendo è promuovere un mercato degli schiavi online", ha detto Urmila Bhoola, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulle forme contemporanee di schiavitù.

"Se Google, Apple, Facebook o altre società ospitano app come queste, devono essere ritenute responsabili".

il BBC relazioni:

Fingendosi una coppia appena arrivata in Kuwait, la squadra sotto copertura araba della BBC ha parlato con 57 utenti di app e ha visitato più di una dozzina di persone che stavano cercando di vendere loro la loro collaboratrice domestica tramite una popolare app di prodotti chiamata 4Sale.

I venditori quasi tutti hanno sostenuto la confisca dei passaporti delle donne, confinandoli in casa, negando loro qualsiasi permesso e dando loro poco o nessun accesso al telefono.

L'app 4Sale permetteva di filtrare per razza, con diverse fasce di prezzo chiaramente in offerta, in base alla categoria.

"Operaio africano, pulito e sorridente", ha detto un elenco. Un altro: "Nepalese che osa chiedere un giorno libero".

Quando parlava con i venditori, la squadra sotto copertura ascoltava spesso un linguaggio razzista. "Gli indiani sono i più sporchi", ha detto uno, descrivendo una donna pubblicizzata.

Dopo essere stato avvisato del problema, Facebook ha dichiarato di aver bandito uno degli hashtag coinvolti. Google e Apple hanno affermato di collaborare con gli sviluppatori di app per prevenire attività illegali. Le vendite illegali sono una chiara violazione delle regole delle aziende tecnologiche statunitensi per gli sviluppatori e gli utenti di app.

In un caso, alla squadra sotto copertura della BBC è stata offerta al Kuwait una ragazza di 16 anni, Fatou (non il suo vero nome), che era Guinea in Africa occidentale. Il "venditore" ha detto alla BBC nel suo discorso di vendita che non aveva concesso a Fatou alcun tempo libero, il suo passaporto e il suo telefono erano stati portati via e non le aveva permesso di lasciare la casa da sola - tutte cose illegali in Kuwait.

"Qui vediamo un bambino venduto e scambiato come un bene mobile, come un pezzo di proprietà", ha osservato la signora Bhoola.

Poiché la BBC ha contattato le app che pubblicizzano lavoratori domestici, 4Sale ha rimosso la sezione che vende cameriere dalla sua piattaforma. Facebook ha detto di aver bandito l'hashtag arabo "خادمات لتنازل #" - che si traduce come "#maidsfortransfer", mentre Google ha affermato di essere "profondamente turbato dalle accuse".

"Stiamo lavorando per garantire che gli sviluppatori di app mettano in atto le misure di salvaguardia necessarie per impedire alle persone di svolgere questa attività sui loro mercati online", ha aggiunto un portavoce di Google.

Apple ha sottolineato di aver "condannato rigorosamente" il traffico di esseri umani sul suo app store, affermando: "Lavoriamo con gli sviluppatori per intraprendere azioni correttive immediate ogni volta che riscontriamo problemi e, in casi estremi, rimuoveremo l'app dallo Store".

Tuttavia, al momento della pubblicazione, la BBC ha affermato di aver visto centinaia di lavoratori domestici ancora scambiati su Haraj (un'app di materie prime popolare in Arabia Saudita), Instagram e altre app.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
ian risveglio
2 anni

anche qui in Australia anche i bambini giovani adulti lavoravano come schiavi e finivano con niente e molte promesse non mantenute