L'UE si adopera per ritenere le aziende responsabili dei diritti umani e degli abusi ambientali

L'UE avanza nel tentativo di vietare i prodotti del lavoro forzato

1
Lavoro forzatoLegge e politica

La Commissione europea ha pubblicato il 14 settembre la sua proposta per il divieto dei prodotti realizzati con il lavoro forzato. La proposta arriva dopo la notizia che 27.6 milioni di persone sono state impegnate nel lavoro forzato nel 2021, secondo le stime dell'Organizzazione internazionale del lavoro, Walk Free e Organizzazione Internazionale per le Migrazioni.  

Cosa propone la Commissione Ue per il divieto? 

La proposta è di ampio respiro, cosa che Freedom United accoglie con favore. Il divieto riguarderebbe tutti i prodotti, compresi quelli fabbricati nell'UE per il consumo interno e l'esportazione. Riguarderebbe i prodotti di tutti i settori e le regioni, il che è fondamentale, perché il lavoro forzato si trova a livello globale e in una vasta gamma di settori.  

Le autorità nazionali dovrebbero stabilire se nella realizzazione di un prodotto è stato utilizzato il lavoro forzato. Dopo un'indagine, le agenzie competenti sarebbero quindi autorizzate a ritirare i prodotti dal mercato dell'UE. Un sito web rivelerà i dettagli delle decisioni per aiutare le autorità doganali.  

Questa proposta affronterebbe efficacemente il lavoro forzato? 

La proposta della Commissione è un gradito riconoscimento della responsabilità dell'UE di garantire che le imprese che operano nel blocco non traggano profitto dal lavoro forzato. Inoltre, porta l'UE ulteriormente nella direzione di innalzare il livello degli standard globali.  

Tuttavia, la proposta contiene anche alcune debolezze chiave che devono essere affrontate per garantire che risponda efficacemente alle imprese.  

Rapporti di Reuters: 

La deputata dei Verdi dell'UE Anna Cavazzini ha accolto favorevolmente l'ampia proposta, ma ha espresso preoccupazione che i prodotti sarebbero stati bloccati solo alla fine di un'indagine e ha affermato che l'onere della prova non grava sulle aziende dopo le accuse di lavoro forzato, come negli Stati Uniti. 

Invece delle aziende che devono dimostrare che i loro prodotti sono esenti da lavoro forzato, spetterà alle autorità dell'UE indagare e dimostrare che il lavoro forzato si è verificato nella catena di approvvigionamento di un'azienda.  

Un altro punto debole della proposta è la mancanza di requisiti espliciti per le aziende di fornire rimedi ai lavoratori quando si verifica un danno. Senza questi requisiti, è probabile che le vittime continueranno a lottare per accedere alla giustizia, ad esempio attraverso il pagamento del salario trattenuto.  

Prossimi passi  

I dettagli del divieto non sono ancora definitivi. Nella prossima fase dei negoziati, il Parlamento europeo e il Consiglio dell'Unione europea ne discuteranno i contenuti e raggiungeranno un accordo.  

Durante questi negoziati, è fondamentale alzare la voce e chiedere all'UE di rafforzare la legge. Abbiamo bisogno di una legislazione in grado di contrastare efficacemente il lavoro forzato, fornendo nel contempo rimedi alle vittime e ai sopravvissuti.  

Unisciti a noi nella richiesta di una legislazione forte che dia la priorità alle persone e al pianeta rispetto ai profitti aziendali! 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Kostas Chatzileris
Kostas Chatzileris
2 mesi fa

Inizia con IKEA. Per molto tempo l'azienda ha utilizzato prigionieri per realizzare i mobili ed è risaputo.