Gli Stati Uniti iniziano a bloccare i materiali solari prodotti nella regione uigura

L'industria australiana dell'energia pulita emette un avviso di schiavitù moderna

0
Lavoro forzatoPrevenzioneSupply Chain

In un rapporto di questa settimana, il Clean Energy Council australiano chiede una maggiore produzione locale di prodotti a energia rinnovabile in risposta a prove crescenti della schiavitù moderna nell'industria globale dell'energia pulita.

Il guardiano rapporti,

Rilasciato martedì, il giornale afferma che la schiavitù in tutte le catene di approvvigionamento è un problema globale. Ma l'Australia è sulla buona strada per generare la stragrande maggioranza della sua elettricità da energia solare, eolica, idroelettrica e da batterie entro il 2030 e deve svolgere un ruolo attivo nell'affrontarla nelle industrie delle energie rinnovabili.

"Siamo in un momento in cui le catene di approvvigionamento di energia rinnovabile aumenteranno in modo significativo", ha affermato il dott. Nick Aberle, direttore della politica di generazione e stoccaggio dell'energia del Consiglio per l'energia pulita. "Ciò significa che ora è un'opportunità fondamentale per plasmare la direzione futura di quelle catene di approvvigionamento".

La necessità di una giusta transizione

Sebbene la tendenza verso l'energia verde, unita a una drastica riduzione dei costi delle energie rinnovabili nell'ultimo decennio, sia incoraggiante, l'attuale transizione non è avvenuta senza un prezzo. Come notato dal Consiglio, quasi 45% della fornitura mondiale di polisilicio di grado solare si trova nella regione uigura mentre fino al 30% della fornitura mondiale di cobalto è legata al lavoro minorile forzato nella Repubblica Democratica del Congo.

La comunità Freedom United ha chiesto energia pulita senza lavoro forzato da più di un anno – e non siamo soli. Abbiamo anche spinto per legislazione obbligatoria in materia di due diligence sui diritti umani e sull'ambiente garantire che le catene di approvvigionamento siano libere dal lavoro forzato; ciò include la produzione di energia solare e miniere di cobalto per le batterie dei veicoli elettrici.

I leader mondiali devono garantire un approccio guidato dai diritti umani

Il commissario anti-schiavitù del New South Wales, il dottor James Cockayne, ha dichiarato al Guardian: “Dobbiamo vedere l'industria, il governo, il settore finanziario e la società civile lavorare insieme per fornire accesso a energia rinnovabile a costi competitivi e senza schiavitù. Se non lo facciamo, la schiavitù moderna rischia di complicare in modo significativo la giusta transizione verso un'economia decarbonizzata".

Siamo assolutamente d'accordo. Sebbene sia bello vedere l'industria impegnarsi per una giusta transizione, non possono farcela da sole. Mentre i governi e le organizzazioni internazionali perseguono soluzioni per affrontare la crisi climatica e raggiungere un futuro sostenibile, stiamo esortando i leader mondiali a impegnarsi per una transizione verso le energie rinnovabili, garantendo al tempo stesso l'eliminazione del lavoro forzato nell'estrazione e nella produzione di minerali.

Firma la petizione chiedendo giustizia climatica senza schiavitù moderna.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti