Arresti di massa di migranti in Libia

Arresti di massa di migranti in Libia: chi ci guadagna?

0
Lavoro forzatoTratta di esseri umani

Il 1° ottobre, le milizie del ministero dell'Interno libico hanno lanciato un'operazione che sarebbe stata progettata per reprimere i trafficanti. Oltre 5,000 migranti sono stati arrestati con la violenza; non sono stati segnalati arresti di trafficanti.  

Migranti a rischio di grave sfruttamento dopo ondata di arresti  

“Intere famiglie di migranti e rifugiati che vivono a Tripoli sono state catturate, ammanettate e trasportate in vari centri di detenzione. Nel processo, le persone sono state ferite e persino uccise, le famiglie sono state divise e le loro case sono state ridotte a cumuli di macerie». disse Ellen van der Velden, responsabile operativo di Medici Senza Frontiere in Libia. 

Gli arrestati sono stati portati in centri di detenzione già sovraffollati, dove le condizioni sono notoriamente disumane. I detenuti non hanno accesso ad acqua pulita, cibo, cure mediche e strutture igieniche e subiscono abusi, torture, lavori forzati e traffico sessuale.  

Detenzione dei migranti: un business redditizio 

Omer Karasapan della Brookings Institution getta un po' di luce sul possibile ragionamento alla base degli arresti di massa di ottobre: 

Perché l'operazione è stata montata? La risposta probabilmente risiede in un modello di business crudele ma redditizio attorno allo sfruttamento dei migranti in alcune parti della Libia, con aspetti di esso sempre più in altri paesi del Maghreb, che colpiscono anche i locali vulnerabili. Il Istituto Clingendael afferma che ora è più redditizio detenere e sfruttare ulteriormente i migranti che portarli in Europa. I detenuti vengono picchiati, torturati e fatti morire di fame per ottenere fondi dalle loro famiglie e dai loro amici. Sono soggetti al lavoro forzato e alla prostituzione forzata, molti vengono ridotti in schiavitù e venduti, spesso dai centri di detenzione.

Il tempismo dell'operazione potrebbe essere rivelatore, secondo Karasapan. La pandemia di COVID-19 ha messo a dura prova le economie dell'Africa subsahariana, mettendo a serio rischio i mezzi di sussistenza e la sicurezza alimentare. I tentativi di raggiungere l'Europa via mare sono diminuiti tra gli africani subsahariani, nonostante un aumento dei tentativi tra i nordafricani. Con meno africani subsahariani che attraversano la Libia, più arresti significano più fondi per le milizie derivanti da estorsioni, lavori forzati e traffico sessuale.  

Invitare l'UE a smettere di finanziare abusi e sfruttamento 

La deplorevole situazione dei migranti nei centri di detenzione libici è ben documentata, eppure l'Unione europea continua a finanziare, equipaggiare e sostenere la Libia per condurre respingimenti illegali dei richiedenti asilo che cercano di raggiungere l'Europa.  

A Freedom United, chiediamo all'UE di smettere di facilitare la riduzione in schiavitù dei migranti e dei richiedenti asilo in Libia. Unisciti a noi firmando questa petizione oggi.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti