agenzia di frontiera

Il bilancio dell'agenzia di frontiera dell'UE cresce nonostante le preoccupazioni sui diritti umani

0
Tratta di esseri umaniLegge e politica

Fabrice Leggeri, il capo di Frontex, l'agenzia di frontiera dell'UE, si è dimesso il mese scorso a causa delle accuse di complicità nei respingimenti illegali di persone richiedenti asilo. In un articolo per The Irish Times, Sally Hayden riflette sul piano dell'UE di espandere e rafforzare ulteriormente Frontex nonostante le forti critiche al trattamento riservato dall'agenzia alle persone in movimento.  

Le dimissioni di Leggeri 

Nella lettera di dimissioni di Leggeri, ha affermato che il mandato su cui è stato eletto aveva “silenziosamente ma efficacemente è stata cambiata”. Hayden fa notare che la maggior parte delle persone abbia interpretato questa affermazione come "un commento su quanto, o poco, Leggeri considerasse i principi dei diritti umani rilevanti per la sua posizione: proteggere i confini dell'Europa". 

Daniel Howden, amministratore delegato dell'organizzazione di giornalismo collaborativo Lighthouse Reports, ha affermato di aver compreso la confusione di Leggeri nella sua lettera. Hayden cita Howden in The Irish Times: 

“[Leggeri] ha fornito la patina tecnica e la negazione che gli Stati membri dell'UE volevano... Non facciamo finta che Frontex sia diventata una canaglia. Questo è stato fatto al servizio degli stati, volevano solo che fosse fatto fuori dalla vista". 

Oltre a ricevere critiche significative per il maltrattamento da parte dell'agenzia delle persone in movimento, Leggeri era indagato dall'agenzia antifrode dell'UE, Olaf, quando si è dimesso. 

Di cosa è accusata Frontex? 

ONG e attivisti hanno documentato casi in cui le operazioni di Frontex hanno portato a respingimenti illegali di persone che si recano in Europa per chiedere asilo nel Mediterraneo centrale e orientale. 

Sebbene Frontex non conduca più pattugliamenti navali nel corridoio del Mediterraneo centrale, l'agenzia è stata accusata di aver trasmesso informazioni ottenute attraverso la sorveglianza aerea per consentire alla Guardia costiera libica di rimpatriare le persone. Hayden descrive questo accordo come "una circumnavigazione del diritto internazionale che vieta alle persone di essere rimandate in un luogo in cui le loro vite sono in pericolo". 

Questo sistema fa sì che migliaia di persone vengano rimpatriate in un paese che non è sicuro per loro. In effetti, quasi 1,000 persone sono state costrette a tornare in Libia in meno di una settimana proprio questo mese. Da quando l'UE ha iniziato a spendere milioni per la formazione e le attrezzature per la guardia costiera libica nel 2017, sono stati registrati oltre 93,000 rimpatri.  

Questo sostegno è concesso nonostante le prove evidenti che la Guardia Costiera libica ha interrotto le missioni di salvataggio delle ONG e messo in pericolo vite nel processo. 

Il futuro di Frontex 

Considerando le dimissioni di Leggeri e le accuse secondo cui le operazioni di Frontex stanno facilitando il sistematico pericolo di vita delle persone in movimento, quali sono le prospettive per l'agenzia? 

Frontex è destinata a continuare ad espandersi. Da quando l'agenzia è stata fondata nel 2004, il suo budget è aumentato vertiginosamente 6 milioni di euro a quasi 550 milioni di euro. I piani per un'ulteriore espansione includono il reclutamento di 10,000 guardie di frontiera e costiere nei prossimi cinque anni. 

Ci sono anche suggerimenti che l'agenzia possa schierarsi in nuove aree. Il commissario europeo Ylva Johansson ha recentemente proposto a Frontex di pattugliare le acque della costa dell'Africa occidentale per frenare il movimento irregolare di persone verso le Isole Canarie spagnole.  

Invito i governi a smettere di esacerbare la tratta 

Si sta sviluppando un movimento contro Frontex e l'impunità dei governi riguardo al trattamento riservato alle persone in movimento. Hayden scrive: 

I sostenitori affermano che il momento del cambiamento è ora: che 70 anni dopo l'inizio del sistema globale dei rifugiati come lo conosciamo, il mondo sta affrontando una sfida fondamentale quando si tratta di trattare le persone che stanno tentando di raggiungere la sicurezza. Il mondo ricco sta spendendo sempre più ingenti somme di denaro per tenere fuori i rifugiati e i migranti, peggiorando solo di molto la situazione degli oppressi. 

La comunità di Freedom United sta aumentando la consapevolezza su come i rigidi regimi di confine non stiano fermando la tratta di esseri umani, ma creando vulnerabilità allo sfruttamento e agli abusi tra le persone in movimento.

Invita l'UE ad assumersi la responsabilità del suo ruolo nel perpetuare la schiavitù in Libia.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti