Immagine della campagna di migrazione sicura

Gli stati manterranno gli impegni di migrazione sicura?

2
Tratta di esseri umaniLegge e politica

Ha preso il via questa settimana il primo International Migration Review Forum (IMRF), una piattaforma per valutare i progressi degli Stati membri nell'attuazione del Global Compact for Safe, Order and Regular Migration (GCM) in quello che potrebbe essere "un momento per rinnovare il nostro impegno ai diritti dei migranti”.

Scrivere dentro openDemocracy, il coordinatore internazionale della Global Alliance Against Traffic in Women, Bandana Pattanaik, si interroga sull'efficacia dell'IMRF, se il forum consentirà alla società civile di ritenere realmente gli Stati responsabili degli impegni presi nel GCM, o se sarà "l'ennesimo esercizio nel mostrare retorica per nascondere un'assenza di azione?"

Politiche di immigrazione dannose

Lo scetticismo sui progressi che gli Stati stanno facendo in merito alla protezione dei diritti umani dei migranti non è infondato. Stiamo assistendo a uno schema inquietante a livello globale: i governi stanno usando la retorica contro la tratta per giustificare politiche di immigrazione dannose. In questo momento, la legislazione sull'immigrazione, come la Nationality and Borders Bill nel Regno Unito, danneggerà i sopravvissuti alla tratta.

Queste leggi restrittive rendono più difficile per le vittime della tratta accedere al supporto a cui hanno diritto in base agli standard internazionali e rischiano di aumentare la tratta poiché le opzioni per spostarsi in sicurezza si riducono. Come risultato di politiche di immigrazione non etiche, ora è più facile che mai per i trafficanti sfruttare le persone rese vulnerabili dalla negazione sistematica dei loro diritti.

Gli Stati devono attuare misure basate sui diritti

Un'indagine globale delle Nazioni Unite ha rilevato che molti stati avevano politiche in atto per frenare la migrazione irregolare con poca o nessuna attenzione alla protezione dei diritti umani.

La Global Coalition on Migration ha recentemente pubblicato un nuovo rapporto "Rapporto Spotlight sulla migrazione globale" centrare le prospettive dei migranti e formulare raccomandazioni basate sui diritti agli stati nell'attuazione delle politiche migratorie.

Pattanaik scrive:

Non ci sono dati a sostegno dell'idea che la creazione di percorsi regolari permanenti per i migranti e la regolarizzazione delle persone prive di documenti metterà a dura prova i sistemi economici o sociali dei paesi di destinazione. Al contrario, tali politiche farebbero molto per ridurre l'insicurezza dei mezzi di sussistenza, costruire società giuste e rafforzare le economie locali. Gli stati di destinazione devono lasciar andare la falsa idea che i migranti siano un peso o una minaccia per i loro paesi una volta per tutte.

La natura ostile delle frontiere e delle politiche di immigrazione non riconosce l'umanità dei migranti e mina i diritti concessi a tutti noi in virtù dell'essere umani. Nel vuoto di questi diritti, la schiavitù moderna e la tratta di esseri umani possono prosperare.

Non solo gli stati stanno ignorando le raccomandazioni internazionali, ma stanno cooptando argomenti contro la tratta per giustificare politiche di immigrazione restrittive che stanno danneggiando i migranti e i sopravvissuti alla tratta. Questo è inaccettabile.

Ecco perché Freedom United questa settimana ha lanciato una nuova campagna invitando tutti gli stati ad approvare autentiche politiche di immigrazione contro la tratta.

Aggiungi la tua voce a questa importante campagna oggi e manteniamo alta la pressione sugli stati ad agire.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lupe Torres
Lupe Torres
2 mesi fa

Voi gente DAVVERO vivete nel vuoto!
La tratta di esseri umani NON è una pratica legale (un promemoria).
Le cose spregevoli compiute a questo proposito ai confini nazionali sono GIÀ ILLEGALI.
Solo un modo per fermare (o almeno ridurre) questa pratica disumana:
RAFFORZARE LA SICUREZZA DELLE FRONTIERE!
Costruisci recinzioni più alte/più profonde
Installare sensori (di movimento e sismici).
Fare abbastanza rumore per dissuadere/scoraggiare gli immigrati illegali.
NON fermerai il traffico creando un'altra legge!
Unisciti agli sciocchi del mondo reale!

Monica Brucia
Admin
2 mesi fa
Rispondi a  Lupe Torres

Grazie per aver condiviso i vostri pensieri. In quanto comunità che si batte contro la tratta di esseri umani, è essenziale per noi capire quali politiche e leggi riducano efficacemente la tratta di esseri umani e quali la esacerbano. La ricerca indica i rigidi regimi di frontiera e le politiche ambientali ostili come strutture che creano maggiori vulnerabilità alla tratta tra le persone in movimento. Sebbene la tratta di esseri umani sia una pratica illegale, come dici tu, non è illegale chiedere asilo in un altro paese. Crediamo che le persone in cerca di sicurezza non debbano essere costrette a prendere strade pericolose.