Piccola barca vuota

L'UE ritiene che continui a sostenere la guardia costiera libica

0
Tratta di esseri umani

Nonostante abbia riconosciuto "l'uso eccessivo della forza" contro cittadini stranieri da parte delle autorità libiche, un rapporto riservato dell'UE chiede il proseguimento della formazione, della fornitura di attrezzature e del supporto per la guardia costiera e la marina.  

Il rapporto, redatto dal contrammiraglio della Marina italiana Stefano Turchetto, capo della missione di sorveglianza dell'embargo sulle armi dell'UE, o Operazione Irini, è stato recentemente ottenuto da L'Associated Press 

Continuo sostegno alle autorità libiche nonostante il loro mancato rispetto dei diritti umani 

Prove ampie raccolti negli anni mostra che le autorità libiche trattano i cittadini stranieri in modo disumano, intercettandoli violentemente in mare e riportandoli in strutture di detenzione dove vengono spesso ridotti in schiavitù, torturati ed estorti. Rapporti hanno anche documentato i modi in cui l'UE esternalizza la gestione delle frontiere alla Libia, formando, finanziando e dotando le autorità per impedire alle persone di raggiungere le coste europee. 

Il rapporto dell'UE riconosce come l'attuale stato di turbolenza politica in Libia abbia reso difficile per il governo ottenere il sostegno politico per far rispettare "un'adeguata standard comportamentali … conformi ai diritti umani, soprattutto quando si tratta di migranti irregolari”. 

Per quanto riguarda le tattiche di intercettazione della guardia costiera, il rapporto rileva il “uso eccessivo della forza fisica” da parte di una pattuglia libica il 15 settembre. Secondo quanto riferito, le autorità libiche avrebbero usato tattiche “mai osservate prima e non conformi all'addestramento (UE) … così come al regolamento internazionale” per intercettare una barca di legno. 

L'UE è anche indubbiamente consapevole degli abusi e dello sfruttamento delle persone all'interno delle strutture di detenzione libiche. Peter Stano, portavoce principale del Servizio per l'azione esterna dell'UE, ha affermato che la posizione dell'UE è: “Sono inaccettabili. L'attuale sistema di detenzione arbitraria deve finire". 

Nonostante abbia piena conoscenza delle violazioni dei diritti umani che si verificano in Libia, l'Unione Europea è determinata a continuare a rafforzare la capacità della Libia di intercettare e rimpatriare le persone che tentano di attraversare il Mediterraneo. Il programma di formazione dell'UE "rimane fermo sul tavolo per aumentare la capacità delle autorità libiche di salvare vite in mare", ha affermato Stano. 

L'UE combatte o finanzia la tratta? 

Dal 2015, la Libia ha ricevuto circa 455 milioni di euro (516 milioni di dollari) attraverso il Fondo fiduciario dell'UE per l'Africa, con un'ampia parte destinata alla migrazione e alla gestione delle frontiere. Questo finanziamento è stato speso per la formazione del personale della guardia costiera, la ristrutturazione delle barche e la fornitura di attrezzature, come navi pattuglia, telefoni satellitari e uniformi.  

Tuttavia, secondo un'indagine di AP del 2019, "ingenti somme sono state dirottate verso reti di miliziani e trafficanti che sfruttano i migranti". Come sostiene Violeta Moreno-Lax, fondatrice del programma di legge sull'immigrazione della Queen Mary University di Londra: "Le stesse persone incaricate di smantellare il business della tratta sono i trafficanti stessi". 

In effetti, il mese scorso, Mohammed Al-Khoja, un leader della milizia implicato in abusi contro cittadini stranieri, lo era scelto per dirigere il Dipartimento per la lotta all'immigrazione irregolare, che sovrintende alle strutture di detenzione del paese.  

La pressione sull'UE è in aumento 

Ma cresce la preoccupazione per la complicità dell'Europa nello sfruttamento e negli abusi dei migranti in Libia. L'Associated Press riporta: 

Le critiche alle politiche migratorie europee sono aumentate. Almeno tre richieste sono state presentate alla Corte penale internazionale chiedendo che i funzionari libici ed europei, nonché i trafficanti, i miliziani e altri siano indagati per crimini contro l'umanità. Un'indagine delle Nazioni Unite pubblicata a ottobre ha anche trovato prove che gli abusi commessi in Libia possono costituire crimini contro l'umanità. 

La scorsa settimana, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto ai paesi di "riesaminare le politiche a sostegno dell'intercettazione in mare e del ritorno di rifugiati e migranti in Libia". 

Vi sono anche crescenti critiche alle politiche migratorie dell'UE dall'interno del Parlamento europeo. Ozlem Demirel, un eurodeputato tedesco del partito di sinistra, ha affermato che il rapporto ha fornito "ulteriori prove che non dovrebbe esserci alcuna cooperazione con questa forza", aggiungendo, "il fatto che Irini stia anche cercando ulteriore formazione è, a mio avviso, oltraggioso". 

Unisciti al movimento 

La comunità di Freedom United sta conducendo una campagna insieme a diverse organizzazioni e figure chiave per porre fine al sostegno dell'UE alla riduzione in schiavitù delle persone in Libia. Insieme, possiamo inviare un chiaro messaggio che non tollereremo più queste flagranti violazioni dei diritti umani.  

Prendi una posizione oggi. Unisciti alla campagna per porre fine alla schiavitù in Libia. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti