Muratori

Un nuovo rapporto scopre diffusi abusi sui lavoratori migranti in Qatar

1
Lavoro forzatoLegge e politica

Un nuovo rapporto del Congresso dei sindacati (TUC) ha fatto luce sugli abusi diffusi sui lavoratori migranti in Qatar all'inizio della Coppa del mondo.

"L'eredità del sistema kafala sopravvive"

Le testimonianze dei lavoratori migranti rivelano che "l'eredità del sistema kafala sopravvive", nonostante il Qatar abbia approvato una serie di riforme legislative nel 2020 per abolire il famigerato sistema di sponsorizzazione che lega i lavoratori migranti ai loro datori di lavoro, consentendo lo sfruttamento e il lavoro forzato.

Parlando ai lavoratori migranti alla vigilia della Coppa del Mondo la scorsa settimana, il rapporto del TUC ha rilevato che i lavoratori sono soggetti a tasse di reclutamento illegale e furto salariale lasciandoli gravati dai debiti. Si è scoperto che datori di lavoro senza scrupoli cercavano intenzionalmente scappatoie nella legislazione per sfruttare più facilmente i lavoratori.

Ram, un operaio edile, ha detto al TUC:

“Non sono riusciti a pagare il mio intero stipendio per tre mesi. Erano 2500 rial al mese ma me ne pagavano solo 1500. Dicevano prendi o lascia. Non ci pagavano nemmeno gli straordinari. […] Poi l'azienda ha emesso un elenco di lavoratori da mandare a casa. Non volevamo tornare perché avevamo dei prestiti da rimborsare a casa. […] Abbiamo chiesto loro di pagare il nostro stipendio rimanente, ma ci hanno detto che non avremmo ottenuto nulla. Abbiamo lavorato sodo per loro, costruito edifici e alberghi per loro, ma non ci hanno pagato. […] La Coppa del Mondo non ci giova affatto. I benefici vanno al governo, non a noi. Abbiamo lavorato duramente nel loro paese e ora siamo disoccupati”.

Il racconto di Ram si riflette nelle esperienze di molti altri lavoratori che hanno faticato in condizioni difficili per trasformare in realtà la Coppa del Mondo in Qatar.

Modifiche su carta

Il Qatar ha indicato la sua cooperazione con l'Organizzazione internazionale del lavoro dal 2018 e le riforme che ha realizzato nel 2020 come prova del suo impegno a proteggere meglio i lavoratori migranti dallo sfruttamento. Tuttavia, le prove continuano a indicare che poco è cambiato per i lavoratori sul campo.

Nonostante ciò, il ministro del lavoro del Qatar ha rifiutato di sostenere un fondo di sostegno per i lavoratori migranti, respingendo le richieste di Freedom United e di attivisti per i diritti umani che chiedevano alla FIFA di pagare per risarcire i lavoratori migranti sfruttati come una mera "trovata pubblicitaria".

Il Qatar deve andare oltre

Il rapporto del TUC chiarisce che sebbene alcuni cambiamenti siano stati apportati sulla carta - possibilità di cambiare datore di lavoro, introduzione di un salario minimo, sistema di protezione salariale per prevenire il furto salariale - il sistema deve ancora essere implementato nella misura necessaria per garantire la maggior parte delle i lavoratori migranti sono protetti.

La realtà è che permangono ostacoli significativi affinché i lavoratori migranti abbandonino il lavoro di sfruttamento. Alcuni lavoratori non sono a conoscenza delle recenti riforme, mentre altri non sono sicuri dei propri diritti ai sensi della legge del Qatar. Sebbene esistano meccanismi che consentono ai lavoratori di segnalare le controversie, ciò può richiedere molto tempo e provocare ritorsioni contro i lavoratori. I lavoratori continuano a riferire di essere stati minacciati di espulsione dai datori di lavoro se vogliono lasciare il loro lavoro senza che sia stato fatto molto per ritenere i datori di lavoro responsabili.

Firma la petizione invitando il Qatar ad attuare efficacemente le riforme per proteggere i lavoratori migranti dallo sfruttamento.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lee Hassan
Lee Hassan
1 mese fa

Ho sponsorizzato un bambino delle Filippine per molti anni e in seguito sono rimasto in contatto. Attualmente lavora in Qatar. Sebbene il suo contratto specifichi che lavora 8 ore al giorno e ha un giorno libero a settimana, dovrebbe lavorare 7 giorni su 7.30 dalle 11:12 del mattino fino alle XNUMX o XNUMX di sera con solo un paio d'ore libere durante il giorno e nessuna paga extra.