Ursula von der Leyen

La proposta dell'UE di ritenere le aziende responsabili per le violazioni dei diritti va abbastanza lontano?

0
Legge e politicaSupply Chain

Questa settimana la Commissione Europea ha pubblicato la sua proposta per affrontare la due diligence sulla sostenibilità aziendale, per affrontare gli impatti delle attività delle imprese sull'ambiente e sui diritti umani, compreso il lavoro forzato nelle loro catene di approvvigionamento.

“Lacune pericolose”

Sebbene sia un passo necessario e gradito nella protezione dei diritti dei lavoratori nelle catene di approvvigionamento, la proposta della Commissione deve andare oltre per garantire ai lavoratori l'accesso a rimedi e giustizia e che siano in atto misure forti per ritenere le imprese responsabili delle condizioni in ogni fase delle loro catene di approvvigionamento.

Nella loro analisi, il Coalizione Europea per la Giustizia Corporate osserva che la nuova legislazione dell'UE presenta "lacune pericolose" che potrebbero minare gli sforzi per spingere l'UE verso l'adozione di leggi significative obbligatorie in materia di dovere di diligenza in materia di diritti umani.

Nei settori ad alto rischio come la moda e l'agricoltura, dove prevale il lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento, solo le aziende dell'UE con più di 250 dipendenti e un fatturato annuo di 40 milioni di euro (44 milioni di dollari) saranno interessate dall'attuale disegno di legge che è stato annunciato il Mercoledì. Si tratta di un'opportunità persa significativa in quanto significa che solo meno dello 0.2% delle imprese dell'UE verrà colto.

Le aziende spostano le responsabilità

Un'altra scappatoia rilevata dall'ECCJ consentirebbe anche alle aziende di trasferire le proprie responsabilità sui fornitori, il che impedirebbe alle vittime di abusi di ritenere responsabili le società. Inoltre, la legge non affronta il modo in cui saranno smantellate barriere quali “costi elevati, tempi brevi, accesso limitato alle prove, legittimazione ad agire e onere della prova sproporzionato” che impediscono alle vittime di intentare cause contro società transnazionali.

La direttrice dell'ECCJ Claudia Saller disse:

Il progetto di legge della Commissione promette un nuovo percorso verso la giustizia e il risarcimento per i lavoratori e le comunità sfruttati, traumatizzati e feriti. Ma ignora seri ostacoli legali che rendono le cause costose, lunghe e complicate. Ecco perché la futura legge deve essere basata sulle vittime. Se la legge non rende più facile per le vittime ritenere le imprese responsabili, è improbabile che faccia molta differenza. E questa mancanza di responsabilità perpetuerà alcune delle questioni più urgenti nel mondo di oggi, come il lavoro minorile, l'inquinamento e la distruzione della natura.

Freedom United chiede all'UE, al Regno Unito, agli Stati Uniti e a tutti i governi di approvare leggi obbligatorie sulla due diligence sui diritti umani che mettano le persone e il pianeta prima dei profitti. In quanto grandi mercati per l'industria globale, il loro passaggio aiuterà ad affrontare i diritti umani e le violazioni ambientali in tutto il mondo, inviando un chiaro segnale al settore privato e pubblico che saranno ritenuti responsabili per non aver impedito la schiavitù moderna e le violazioni dei diritti umani nella loro catene di approvvigionamento.

Ma vedremo cambiamenti significativi solo se le lacune legislative come la recente proposta dell'UE verranno colmate e verranno introdotte misure solide per ritenere le imprese responsabili e responsabili per gli abusi. Nei prossimi mesi e anni, la proposta della Commissione sarà discussa dal Parlamento europeo ei governi potranno presentare emendamenti.

Unisciti alla campagna oggi per mantenere alta la pressione per misure forti per sradicare il lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti