tifosi di calcio in possesso di sciarpe

Gli appassionati di calcio esortano la FIFA a risarcire gli abusi sui lavoratori migranti

0
Lavoro forzato

I risultati di un sondaggio commissionato da Amnesty International mostrano che la maggior parte dei tifosi di calcio è favorevole al fatto che la FIFA paghi 440 milioni di dollari di risarcimento ai lavoratori migranti che hanno subito abusi nel portarci la Coppa del Mondo che si svolgerà in Qatar.

La pressione dei fan

17,000 fan provenienti da 15 paesi hanno risposto al sondaggio con il 73% affermando che sarebbero favorevoli al risarcimento con solo il 10% contrario. Un ulteriore 67% degli intervistati è d'accordo con la proposta che le federazioni calcistiche nazionali dovrebbero sostenere pubblicamente le richieste di compensazione per i lavoratori migranti.

Il capo della giustizia economica e sociale di Amnesty International, Steve Cockburn, ha dichiarato: 

“In tutto il mondo, le persone sono unite nel desiderio di vedere la FIFA farsi avanti e fare ammenda per le sofferenze subite dai lavoratori migranti in Qatar […] Il passato non può essere annullato, ma un programma di compensazione è un modo chiaro e semplice che la FIFA e Il Qatar può fornire almeno una qualche misura di riparazione alle centinaia di migliaia di lavoratori che hanno reso possibile questo torneo”.

Le continue segnalazioni di sfruttamento dei lavoratori migranti, lavoro forzato e furto di salari hanno afflitto il torneo che si svolgerà in Qatar tra un paio di mesi. Sono aumentate le pressioni sulla FIFA affinché si assuma la responsabilità ai sensi dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani per affrontare le violazioni dei diritti umani segnalate dai lavoratori migranti a seguito della Coppa del Mondo.

Rapporti Reuters:

Amnesty ha anche invitato FIFA e Qatar a stabilire un programma di riparazione per rimborsare i salari non pagati, le tasse di assunzione pagate da centinaia di migliaia di lavoratori e il risarcimento per infortuni e morti.

"Il programma dovrebbe essere stabilito e un incontro iniziale tra le principali parti interessate, prima dell'inizio del torneo il 20 novembre 2022", ha affermato Amnesty, aggiungendo che i lavoratori e i sindacati dovrebbero essere coinvolti nel programma.

Kafala e sfruttamento

Il famigerato sistema di sponsorizzazione della kafala in Qatar governa i rapporti dei lavoratori migranti con i datori di lavoro nel paese, legando lo status di immigrazione dei lavoratori migranti al loro datore di lavoro.

Con questo sistema di sponsorizzazione, che è presente in molti altri paesi, i lavoratori migranti non sono in grado di cambiare lavoro o lasciare il paese senza il permesso del loro datore di lavoro, lasciando i lavoratori vulnerabili allo sfruttamento e restando intrappolati nel lavoro forzato senza via d'uscita.

Negli ultimi quattro anni, il governo del Qatar ha collaborato con l'Organizzazione internazionale del lavoro per approvare una serie di riforme legislative per migliorare le condizioni dei lavoratori migranti, inclusa l'abolizione delle restrizioni sui lavoratori migranti che cambiano lavoro senza il permesso del datore di lavoro, l'introduzione di un salario minimo mensile e un sistema di protezione salariale. 

Deportati i lavoratori migranti

Tuttavia, l'attuazione è stata debole ei lavoratori migranti continuano a segnalare casi di sfruttamento. La scorsa settimana, abbiamo riferito indagini che ha scoperto come i lavoratori migranti vengono espulsi dal Qatar per aver chiesto il loro salario non pagato.

Chiediamo al Qatar di garantire l'effettiva attuazione delle misure per proteggere i lavoratori migranti dallo sfruttamento e sostenere l'invito alla FIFA a pagare. Unisciti alla campagna oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti