tate conviventi salario minimo Regno Unito

Il diritto al salario minimo del Regno Unito da estendere alle tate conviventi

1
Legge e politicavittorie

Le ragazze alla pari e le tate che vivono nel Regno Unito non saranno più esentate dalle leggi sul salario minimo. Il governo ha espresso il suo sostegno la scorsa settimana per la chiusura di una scappatoia legale, nota come "esenzione per i lavoratori familiari", che ha lasciato i lavoratori conviventi vulnerabili allo sfruttamento.  

Qual è l'esenzione per il lavoratore familiare? 

L'esenzione del lavoratore familiare, introdotta nel 1999, stabilisce che i datori di lavoro non sono obbligati a pagare il salario minimo ai dipendenti che vivono nelle loro case. 

Il sito web del governo del Regno Unito afferma che "gli au pair di solito vivono con la famiglia per cui lavorano ed è improbabile che vengano classificati come lavoratori o impiegati. Non hanno diritto al salario minimo nazionale o alle ferie pagate”. 

Aggiunge che le ragazze alla pari "aiutano con le faccende domestiche leggere e l'assistenza all'infanzia per circa 30 ore a settimana, comprese un paio di sere come babysitter", raccomandando anche loro "di consumare i pasti principali con la famiglia ospitante, gratuitamente" e "informarsi sugli inglesi cultura dalla famiglia ospitante”. 

Come i datori di lavoro sfruttano i lavoratori conviventi 

L'esclusione dei lavoratori conviventi dalle normative formali sul lavoro li ha messi a rischio di sfruttamento da parte di datori di lavoro senza scrupoli. Infatti, la Nanny Solidarity Network, un'organizzazione di campagna, afferma che queste condizioni hanno creato un "gruppo invisibile e sfruttato di donne migranti, incapaci di denunciare gli abusi". 

Nelle interviste con l'Indipendente, i lavoratori conviventi hanno condiviso le loro esperienze. A una lavoratrice è stato detto che avrebbe "aiutato un po' con i bambini". Quando è arrivata, ha scoperto che doveva pulire tutte le 11 stanze della casa. Doveva lavorare circa 12 ore al giorno.  

Le famiglie ospitanti dovrebbero trattare i lavoratori conviventi come membri della famiglia, ma non è sempre così. Un lavoratore ha parlato di come avrebbe tenuto gli spuntini nella sua camera da letto perché non si sentiva in grado di cenare con la sua famiglia ospitante. “Spesso andavo a letto piuttosto affamato”, ha aggiunto. 

Un'ex ragazza alla pari dal Brasile ha detto all'Independent:  

Pensano che poiché siamo migranti non meritiamo le stesse tutele di base degli altri lavoratori. Pensano che, poiché le donne hanno sempre fatto la cura dei bambini, cucinando e pulendo gratuitamente, questo non sia un "vero lavoro". […] 

Per così tanto tempo c'è stata la scusa che sei stato trattato come uno di famiglia, quindi non devono pagarti adeguatamente. Non ha senso. Mette così tante donne in situazioni difficili ed è sfruttatore. 

Il sostegno del governo è una "grande vittoria"  

La Nanny Solidarity Network ha iniziato a chiedere condizioni migliori per gli operatori di assistenza all'infanzia durante il blocco COVID-19.  

Dopo aver ricevuto testimonianze di tate conviventi tramite The Nanny Solidarity Network, la Low Pay Commission ha consigliato al governo di modificare le leggi sul salario minimo per includere i lavoratori conviventi. La scorsa settimana, il governo ha appoggiato questa raccomandazione con una mossa che i lavoratori hanno salutato come una "grande vittoria".  

The Independent cita la dottoressa Kate Hardy, una professoressa dell'Università di Leeds specializzata in occupazione:  

Nonostante la natura essenziale di questo lavoro, [le tate] sono state storicamente ignorate ed escluse dalla regolamentazione del governo. Questa sentenza rende giustamente visibile al pubblico l'occupazione delle tate e finalmente offre loro le tutele e le condizioni di base date agli altri lavoratori.

Chiedi al tuo governo di ratificare la Convenzione sui lavoratori domestici proteggere meglio tutti i lavoratori domestici dallo sfruttamento.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Leonora Samuele
Leonora Samuele
4 mesi fa

Sono sbalordito che questa scappatoia sia mai esistita! Un aiutante convivente è un dipendente come un altro!