Sopravvissuti in Libia

Le cicatrici della Libia: i sopravvissuti parlano di torture e tratta

0
Tratta di esseri umaniStorie di sopravvissuti

“Ovunque in Libia vieni derubato, vieni picchiato”, spiega Eladj Ndiaye a AFP. Il 19enne senegalese ha evidenti cicatrici sulla testa e sul viso di quando è stato picchiato dai rapitori che lo hanno tenuto per diverse settimane in Libia.  

Eladj è una delle migliaia che ogni anno cercano di sfuggire a torture e abusi in Libia attraverso il Mar Mediterraneo. È stato salvato dalla nave Geo Barents, gestita da Medici Senza Frontiere (MSF).  

Dalle interviste ai sopravvissuti e al personale a bordo della nave, L'Afp fa luce sulle sofferenze inflitte a rifugiati e migranti in Libia.   

Legato e fulminato 

John, 25 anni, è fuggito dal suo paese d'origine, l'Eritrea, nel 2018. Ha attraversato l'Etiopia e il Sudan prima di arrivare finalmente ad Al Kufra, nel sud-est della Libia.  

Ad Al Kufra, è stato rapito e venduto a una rete criminale che alla fine lo ha venduto a un secondo giro di trafficanti. "Sono stato legato, picchiato, fulminato" ha detto all'AFP.  

Dopo essere fuggito, ha tentato di attraversare il Mediterraneo in un gommone dal quale è stato salvato. Mentre riceveva cure mediche sul Geo Barents ad aprile, ha detto all'AFP che in Libia “non c'è governo […] nessuna legge”. 

John ha ammesso di conoscere i rischi quando ha lasciato l'Eritrea, ma è andato comunque. “Sappiamo che è pericoloso. Ma vogliamo unirci all'Italia" ha detto. 

I medici riferiscono segni fisici e psicologici di abuso 

L'anno scorso oltre 31,000 persone hanno tentato la traversata via mare dalla Libia all'Italia, secondo le Nazioni Unite. Molte di loro avranno subito forme estreme di abuso mentre si trovavano in Libia, tra cui torture, violenze sessuali e lavoro forzato.  

Alcuni vengono soccorsi in acque internazionali o italiane da navi di Ong, come Geo Barents, dove ricevono assistenza medica in attesa di essere trasferiti in Italia. 

Molte delle persone soccorse dai Geo Barents portano con sé i segni del trauma subito in Libia. "Vediamo comunemente ferite da proiettile, ustioni, prove di folgorazione, molte percosse", Lo ha detto all'AFP il medico di MSF Mohammed Fadlalla. 

I sopravvissuti presentano anche sintomi di disagio psicologico sulla barca: "Paura, difficoltà a dormire, flashback, ansia, depressione", dice Fadlalla.  

Di' all'UE di smettere di rafforzare questo sistema abusivo 

L'Unione Europea è profondamente complice dei crimini contro migranti e rifugiati in Libia. Circa mezzo miliardo di dollari del Fondo fiduciario di emergenza dell'UE per l'Africa è stato convogliato in Libia per la cosiddetta gestione della migrazione. Inoltre, l'UE e i suoi Stati membri hanno fatto di tutto per rafforzare la capacità della guardia costiera libica di intercettare e rimpatriare le persone in fuga dal Paese via mare.  

La comunità Freedom United, insieme ai sopravvissuti e ad altri gruppi della società civile, chiedono la fine della complicità dell'UE in questo sistema tortuoso. Unisciti a noi oggi firmando questa petizione.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti