Barre scure della cella della prigione in ombra

Libia: oltre 12,000 persone in detenzione rischiano di essere trafficate

0
Lavoro forzatoTratta di esseri umani

Secondo un nuovo rapporto delle Nazioni Unite, più di 12,000 cittadini stranieri sono ufficialmente detenuti in 27 strutture in tutta la Libia. Altre migliaia sono detenute illegalmente da gruppi armati, afferma il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.  

Le condizioni nelle strutture di detenzione libiche sono notoriamente disumano. Secondo quanto riferito, i detenuti non hanno accesso ad acqua pulita, cibo, cure mediche e strutture igieniche e subiscono abusi, torture, lavori forzati e traffico sessuale.    

La recente protesta ha incontrato arresti di massa 

Questo rapporto è stato pubblicato appena una settimana dopo che le forze di sicurezza libiche hanno preso d'assalto un sit-in di protesta organizzato da attivisti e migranti fuori dal centro comunitario delle Nazioni Unite a Tripoli. Le forze armate hanno bruciato il campo improvvisato e arrestato i manifestanti, spostandoli nel già sovraffollato centro di detenzione di Ain Zara.  

In Libia sono frequenti gli arresti di massa di cittadini stranieri. In particolare, una repressione nell'ottobre dello scorso anno ha portato alla detenzione di circa 4,000 uomini, donne e bambini.  

Il ruolo della Guardia Costiera libica 

Molte delle persone detenute in queste strutture sono state arrestate mentre cercavano di fuggire dal paese attraverso il Mar Mediterraneo. La Guardia Costiera libica intercetta regolarmente le barche che viaggiano verso l'Europa e rimanda i passeggeri alle strutture di detenzione in Libia.  

Secondo Gutteres, al 14 dicembre, la Guardia Costiera aveva restituito 30,990 persone in Libia, che è quasi tre volte il numero di persone rimpatriate nel 2020. Oltre 1,300 persone sono morte o sono scomparse su questa rotta, ha aggiunto Gutteres.  

Espulsioni illegali dalla Libia 

Oltre a rimpatriare le persone che cercano di fuggire dalla Libia via mare, le forze di sicurezza stanno rimuovendo illegalmente i migranti dal Paese attraverso i suoi confini orientali e meridionali. 

Rapporti di InfoMigrants: 

Da agosto, Guterres ha criticato le diffuse espulsioni di migranti dai confini orientali e meridionali della Libia mentre la nazione blocca centinaia di cittadini da paesi come Ciad, Egitto, Eritrea, Etiopia, Somalia e Sudan e li deporta in Ciad e Sudan. Le espulsioni, dice Guterres, sono condotte "senza un giusto processo" e trascurano "il divieto di espulsione collettiva e di rimpatrio di persone senza il loro consenso", sancito dal diritto internazionale sui diritti umani e da diverse convenzioni delle Nazioni Unite. 

L'appello di Freedom United all'Unione Europea 

Freedom United ha attirato l'attenzione sul La complicità dell'Unione Europea nella riduzione in schiavitù delle persone in Libia e nella richiesta di cambiamento. Unisciti a questa comunità per esortare i governi dell'UE a sostenere la fine dei finanziamenti per la Guardia costiera libica, la chiusura di tutti i centri di detenzione per migranti in Libia e l'istituzione di un meccanismo di sbarco e ricollocazione per le persone soccorse nel Mar Mediterraneo che non sia legato a la Guardia Costiera libica. Agisci oggi.  

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti