Costa mediterranea

La guardia costiera libica riporta 93 migranti salvati nel paese dopo che sei morti

1
Lavoro forzatoSchiavitù In conflitto

Novantatre migranti sono stati salvati e riportati in Libia dopo aver tentato di raggiungere l'Europa attraverso il Mediterraneo, secondo quanto riportato su Twitter la scorsa settimana dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM).

L'agenzia delle Nazioni Unite ha detto che una donna tra loro ha partorito su un gommone, mentre altre sei sono morte prima che i sopravvissuti fossero salvati e riportati nella città di Khoms.

Per i migranti come quelli salvati, un ritorno in Libia spesso significa un ritorno ai famigerati centri di detenzione del paese, dove devono affrontare il lavoro forzato e la violenza tra le altre violazioni dei diritti umani.

Molti dei migranti che lasciano le coste libiche per l'Europa fuggono essi stessi dal lavoro forzato per mano dei trafficanti di esseri umani, o dalla violenza e dalla schiavitù moderna nei loro paesi d'origine.

Con i migranti in Libia che affrontano un alto rischio di lavoro forzato sia dentro che fuori la custodia del governo, gli attivisti chiedono da tempo la fine del loro ritorno sistematico nel paese.

Al Jazeera relazioni:

"Le condizioni in questi centri sono pazze", Alkaol, 17 anni, migrante di The Gambia, ha detto ad Al Jazeera.

“A volte ottieni cibo, a volte no. Se ti danno il pane, ne mangi la metà e ne risparmi la metà. Non sai quando mangerai la prossima volta. Se non hai soldi, la tua unica via d'uscita è scappare o morire.

“Se sorprendono le persone che scappano, ti sparano. Potrebbero spararti alla gamba, potrebbero spararti alla testa. "

La Libia è in un fragile stato di conflitto dal 2011, quando la morte del leader Muammar Gheddafi ha lasciato un vuoto di potere che è stato sfruttato dai trafficanti di esseri umani per attirare migranti e rifugiati nel Paese.

La loro situazione è peggiorata nell'ultimo anno con un nuovo assalto dei ribelli a Tripoli, la capitale, e con complicazioni dovute all'attuale pandemia di coronavirus.

Ci sono missioni di salvataggio che non riportano i migranti soccorsi in Libia, ma la guardia costiera libica tende a superarli.

Secondo Nicholas Romaniuk, che ha coordinato una missione di salvataggio di beneficenza francese pochi giorni prima dell'operazione della scorsa settimana, ha denunciato le azioni della guardia costiera.

“Non c'è coordinamento, nessuna condivisione di informazioni per operazioni salvavita. Stiamo parlando di persone che sarebbero morte, un neonato a bordo ”, ha detto Romaniuk.

"Il fatto che, anche in questa situazione, non condividano le informazioni, è una vergogna assoluta."

Libertà unita ha fatto una campagna per la fine del lavoro forzato in Libia chiedendo all'Unione Europea di cessare i suoi finanziamenti alla guardia costiera libica.

Stand con i migranti come quelli salvati la scorsa settimana e aggiungi il tuo nome oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
STELLA DOLITTLE
2 anni fa

DEVONO ESSERE RESTITUITE PERCHÉ OGNI VOLTA CHE VANNO IN UNA NUOVA NAZIONE .. VOGLIONO CAMBIARE LE LEGGI E LA CULTURA LÀ ..