Pagina di copertina della petizione Giustizia per Adelina

La corte suprema della Malesia conferma l'assoluzione nel caso di omicidio di Adelina

40
Schiavitù domestica

Oggi la Corte Federale della Malesia ha affermato l'assoluzione per omicidio del datore di lavoro di Adelina Lisao, una collaboratrice domestica indonesiana morta nel febbraio 2018 dopo aver subito gravi abusi e lavori forzati.

Questo segna la sentenza finale nella lunga causa penale contro il datore di lavoro di Adelina, S Ambika, con la Corte federale che afferma oggi che "Non vi è alcun errore impugnabile da parte dell'Alta Corte e della Corte d'Appello".

Il giudice della Corte federale Vernon Ong ha osservato che "In effetti, sulla base dei verbali di appello, non vi era alcuna motivazione addotta dall'accusa (presso l'Alta Corte)" e che un proscioglimento non equivalente ad un'assoluzione poteva essere concesso solo se fosse stata presentata una buona motivazione .

L'incapacità di garantire giustizia per Adelina è stata in gran parte dovuta a errori legali da parte dei pubblici ministeri nei precedenti casi giudiziari.

Malesia oggi relazioni:

L'Alta Corte di George Town l'ha assolta il 18 aprile 2019 sebbene l'accusa avesse chiesto un congedo non pari ad un'assoluzione (DNAA). La Corte d'Appello ha confermato l'assoluzione di Ambika lo scorso anno.

Nella sua decisione, il giudice della Corte d'Appello Nordin Hassan aveva sottolineato che l'accusa ha accettato una rappresentanza del team legale di Ambika e che non avrebbe portato avanti il ​​procedimento contro di lei.

"La decisione di non procedere con l'accusa della resistente (Ambika) è stata presa due giorni prima della decisione del giudice del processo di assolverla", ha detto Nordin.

“Anche solo per questo motivo si giustifica l'esercizio del potere discrezionale del giudice di primo grado di ordinare l'assoluzione nei confronti del resistente. Non vi è alcun motivo valido per cui l'accusa richieda la classificazione del caso come DNAA quando è stato deciso che le accuse contro l'imputato sarebbero state ritirate.

Il vice procuratore generale Dusuki Mokhtar ha affermato oggi che la Corte d'appello ha frainteso la sezione sulla discrezionalità del giudice e la risposta dell'AGC.

L'ambasciatore indonesiano in Malesia, Hermono, ha detto il Il governo indonesiano ha accettato oggi la deludente sentenza, ma ha aggiunto che "l'uomo comune" avrebbe difficoltà a capire come la legge non sia riuscita a fornire giustizia per Adelina. "È difficile da accettare perché è stata una morte tragica", ha detto.

Freedom United e il nostro partner Tenaganita consegnato oltre 12,000 firme di petizione al capo della giustizia prima dell'udienza di oggi e siamo estremamente delusi dalla decisione. Riteniamo che l'accusa malese sia fallita e, sfortunatamente, questo significa che continuiamo a coltivare una cultura dell'impunità per i colpevoli tra i datori di lavoro dei lavoratori domestici. L'impunità di oggi è il crimine di domani. Continueremo a chiedere giustizia per Adelina.

Dopo la sentenza odierna, l'ambasciatore indonesiano ha dichiarato: “Stiamo esaminando altre possibilità come la presentazione di una causa civile. Riferiremo la questione ai vertici di Jakarta e ai nostri avvocati", aggiungendo che qualcuno deve essere ritenuto responsabile della sua morte.

Come è successo?

Per capire come sia successo, dobbiamo tornare alle azioni dei pubblici ministeri in precedenti casi giudiziari. Nel primo caso, il giudice del processo dell'Alta Corte di George Town ha assolto il datore di lavoro di Adelina nel 2019.

Eppure, prima della sentenza, l'avvocato di Ambika ha scritto alla Camera del procuratore generale e, sconvolgente, il sostituto pubblico ministero ha detto al giudice “di aver ricevuto istruzioni dai suoi superiori di non procedere con il processo “in questo frangente”».

I pubblici ministeri hanno quindi chiesto un congedo non pari ad un'assoluzione (DNAA), ma senza alcuna spiegazione sul perché, il giudice del processo ha assolto il datore di lavoro di Adelina.

La Corte d'Appello ha affermato l'assoluzione nel 2020, con il giudice che ha rilevato che “Non vi è alcun motivo valido perché l'accusa richieda la qualificazione del caso come DNAA quando era stato deciso che le accuse contro il resistente dovevano essere archiviate. "

Noi e Tenaganita ci siamo espressi contro questi evidenti passi falsi dei pubblici ministeri e, alla fine, la decisione della Corte federale si è ridotta ai loro errori.

Lo ha stabilito il giudice della corte federale Vernon Ong l'accusa non aveva fornito una buona ragione per cui hanno chiesto un proscioglimento non assolutivo e che non vi fosse errore impugnabile da parte dell'Alta Corte e della Corte d'Appello.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
40 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ray Menon
Ray Menon
3 mesi fa

Una giornata triste per la giustizia e i lavoratori domestici.

Marilynn B
Marilynn B
2 mesi fa

Non solo questo è un affronto alla memoria di Adelina, ma invia un messaggio ai datori di lavoro violenti che possono farla franca con l'omicidio in Malesia!

Julie Taylor
Julie Taylor
2 mesi fa

Questa è chiaramente una parodia della giustizia. La Corte Federale della Malesia ha completamente deluso Adelina: si merita di meglio!

Ray Menon
Ray Menon
3 mesi fa

Un triste giorno per la giustizia per i lavoratori domestici!

Samuel Daniel
Samuel Daniel
2 mesi fa

Giustizia per Adelina e tutti quei lavoratori come lei. Ogni essere umano ha il dovere di parlare per i senza voce e chiedere giustizia.