L'Italia rinnova l'accordo anti-migranti con la Libia nonostante gli abusi di detenzione

0
Tratta di esseri umaniSchiavitù In conflitto

L'Italia ha rinnovato un accordo anti-migrazione con la Libia che vedrà il paese continuare a sostenere la guardia costiera libica e finanziare i centri di detenzione per migranti - insieme all'UE - nonostante chiari casi di schiavitù moderna e orribili abusi all'interno delle strutture.

Il protocollo d'intesa, rinnovato sabato, è stato firmato per la prima volta nel febbraio 2017 dall'Italia e dal governo libico di accordo nazionale (GNA) riconosciuto dall'ONU guidato da Fayez al-Sarraj.

I gruppi per i diritti umani e contro la schiavitù hanno chiesto ai paesi di revocare il protocollo d'intesa, ma il nuovo governo italiano sta segnalando che non ha intenzione di cambiare rotta nel modo in cui tratta i migranti.

Al Jazeera relazioni:

L'accordo ha impegnato l'Italia a fornire formazione e risorse alla guardia costiera libica, nonché a finanziare centri per migranti, insieme all'Unione europea, dove si stima che siano attualmente detenute 4,500 persone.

Altre migliaia sono detenute in centri di detenzione "non ufficiali" sotto il controllo di gruppi armati, subendo quelli che le Nazioni Unite hanno definito nel 2018 "orrori inimmaginabili" dal momento in cui sono entrati nel Paese.

Ciò include stupro, tortura, detenzione arbitraria, schiavitù, lavoro forzato ed estorsione per mano di trafficanti, trafficanti, gruppi armati e funzionari statali, è stato riferito.

Le condizioni sono peggiorate da quando il comandante libico rinnegato Khalifa Haftar ha lanciato un'offensiva per catturare Tripoli ad aprile. I centri di detenzione per migranti sono stati presi di mira nei combattimenti.

Il ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio ha affermato che il protocollo d'intesa potrebbe essere migliorato e modificato in qualsiasi momento "con particolare attenzione ai centri e alle condizioni dei migranti".

Da quando è stato firmato il MoU, la guardia costiera libica ha intercettato almeno 36,000 rifugiati e migranti nel Mediterraneo, riportandoli in Libia e gettandoli nei famigerati centri di detenzione del Paese.

In risposta al rinnovo dell'accordo, 21 organizzazioni italiane e internazionali, tra cui Amnesty International, Oxfam, Medecins du Monde e Save the Children, hanno affermato che l'accordo dovrebbe essere immediatamente revocato e i centri di detenzione evacuati.

“La diffusa corruzione, complicità e infiltrazione a livello istituzionale di soggetti soggetti a sanzioni da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per crimini contro l'umanità, escludono che sussistano le condizioni per rinnovare l'accordo con il governo di Tripoli, che è tenuto in ostaggio e tandem con milizie, trafficanti di esseri umani e mafie locali ", si legge nella lettera.

“L'Italia e l'Unione Europea dovrebbero essere consapevoli che stanno attuando respingimenti collettivi di persone che fuggono da guerre e persecuzioni, oltre a finanziare un sistema di campi di concentramento in Libia. Tutto ciò ha sorprendenti parallelismi con i momenti più bui della storia del XX secolo ".

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti