File della polizia dello Xinjiang

I volti dei campi di detenzione uiguri in Cina

3
Lavoro forzatoTratta di esseri umani

Lavorando con un consorzio di 14 organizzazioni mediatiche di 11 paesi, il BBC ha potuto autenticare elementi significativi del File della polizia dello Xinjiang. I file violati contengono più di 5,000 fotografie della polizia di uiguri scattate tra gennaio e luglio 2018, oltre a centinaia di prove di detenzione arbitraria, tortura e lavoro forzato, tra le altre forme di sfruttamento e abuso.

Il governo cinese non può più nascondere l'ovvio: le prove sono convincenti e agghiaccianti. L'affermazione del governo secondo cui i campi di rieducazione costruiti in tutta la regione uigura dal 2017 non sono altro che "scuole" è contraddetta dalle istruzioni interne della polizia, dagli elenchi delle guardie e dalle immagini mai viste dei detenuti.

I cosiddetti “centri di rieducazione” cinesi sono centri di tortura: le prove

Le fotografie danno forma umana a una politica progettata per prendere di mira deliberatamente le famiglie uigure come depositario di identità e cultura e – nelle parole del governo cinese – per “spezzare le loro radici, spezzare il loro lignaggio, spezzare le loro connessioni, spezzare le loro origini”. I documenti forniscono alcune delle prove più evidenti fino ad oggi di un genocidio sistematico, di cui la catena di comando arriva fino allo stesso leader cinese, Xi Jinping.

Il dottor Adrian Zenz, uno dei ricercatori chiave coinvolti nel progetto degli archivi di polizia dello Xinjiang presso la Victims of Communism Memorial Foundation con sede negli Stati Uniti, ha dichiarato alla stampa:

“Abbiamo documenti riservati. Abbiamo trascrizioni di discorsi in cui i leader parlano liberamente di ciò che pensano veramente. Abbiamo fogli di calcolo. Abbiamo immagini. È completamente senza precedenti e spazza via dall'acqua la patina di propaganda cinese".

Una serie di protocolli interni di polizia descrive l'uso di routine di agenti armati in tutte le aree dei campi, il posizionamento di mitragliatrici e fucili da cecchino nelle torri di guardia e l'esistenza di una politica di sparare per uccidere per coloro che tentano di scappare. Le foto trapelate mostrano che bende, manette e catene sono obbligatorie per qualsiasi "studente" trasferito tra le strutture o persino in ospedale. La comunità internazionale non può più nutrire dubbi.

La persecuzione cinese e il “crimine” di essere una minoranza

Le fughe di notizie rivelano centinaia di esempi di persone che sono state punite e retrospettivamente accusate di “reati di terrorismo” avvenuti anni o addirittura decenni fa: un uomo è stato condannato a 10 anni nel 2017 per aver “studiato le scritture islamiche con sua nonna” per un pochi giorni nel 2010.

Rivelano anche accuse di "colpa per associazione". I documenti descrivono come una donna sia stata punita con 10 anni di carcere perché suo figlio aveva una “forte inclinazione religiosa” perché non beveva alcolici né fumava. Anche lei è considerata una terrorista dal regime.

Figli separati dai genitori

Le foto trapelate includono anche bambini e adolescenti. Non esistono molti dettagli sulla sorte di questi bambini i cui genitori sono stati detenuti. È probabile che un numero significativo di loro sia stato affidato all'assistenza permanente ea lungo termine di un sistema di collegi statali costruiti in tutta la regione uigura nello stesso periodo in cui lo erano i campi.

Infatti, gli uiguri all'estero hanno detto alla BBC che le teste rasate in molte delle foto sono un segno che molti sono costretti a frequentare queste scuole almeno durante la settimana, anche se rimangono alle cure di uno o entrambi i genitori.

Il governo cinese continua a negare l'ovvio

Il consorzio di notizie investigative ha contattato il governo cinese per un commento su questa fuga di dati e con domande dettagliate sulle prove in esso contenute. L'ambasciata cinese a Washington DC ha dato la seguente risposta: "Le questioni relative allo Xinjiang riguardano essenzialmente la lotta al terrorismo violento, la radicalizzazione e il separatismo, e non i diritti umani o la religione".

Nella dichiarazione, l'ambasciata ha aggiunto che le autorità cinesi hanno adottato "una serie di misure di deradicalizzazione decisive, solide ed efficaci... La regione ora gode di stabilità e armonia sociale, nonché di sviluppo economico", e ha affermato che questa dichiarazione è " la risposta più potente a tutti i tipi di bugie e disinformazione sullo Xinjiang”.

L'ambasciata non ha risposto a nessuna delle prove specifiche della fuga di notizie.

La pubblicazione di questo materiale coincide con l'arrivo in Cina della commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet per una visita tanto attesa nella regione uigura. In un articolo in il guardiano, è stato notato che il suo itinerario sarà sotto stretto controllo del governo e siamo preoccupati che la sua visita sarà gravemente limitata dalle autorità.

Insieme a un consorzio di 60 organizzazioni, abbiamo firmato a dichiarazione congiunta ad aprile invitando Bachelet a fornire una risposta coerente alla crisi dei diritti umani in Cina. Continuiamo a sensibilizzare. Firma la petizione e chiedere che la comunità internazionale faccia tutto il necessario per porre fine al genocidio e al lavoro forzato degli uiguri e di altre minoranze etniche in Cina.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patrizio Bellot
Patrizio Bellot
2 mesi fa

Ferma le bugie e le torture di persone innocenti.

Maria Jackson
Maria Jackson
2 mesi fa

Per favore aiuta queste persone innocenti!!

Gianni Mondonudo
Gianni Mondonudo
2 mesi fa

Queste accuse che fai qui, non sono altro che BUGIE NON PROVATE. Questi fantasmi di "documenti trapelati", a cui solo tu e la BBC avete accesso, in realtà non esistono o, se esistono, sono sicuramente falsi. Smetti di seguire la narrativa della CIA, smettila di fomentare problemi, violenza e GUERRA come stai facendo in Ucraina.