Appendiabiti

Freedom United firma una petizione che esorta gli Stati Uniti a vietare i prodotti fabbricati con il lavoro forzato uigura

3
Legge e politica

In una petizione presentata la scorsa settimana ai funzionari della dogana, Freedom United si è unita ad altri gruppi della società civile per sollecitare gli Stati Uniti a vietare l'importazione di merci realizzate con il lavoro forzato in Cina.

Inviata dall'Interfaith Center on Corporate Responsibility per conto di Freedom United e di altri otto gruppi per i diritti umani, la petizione sollecita la Customs and Border Patrol (CBP) a emettere un withhold release order (WRO), un tipo di divieto che blocca le merci prodotte con , detenuto o lavoro a contratto.

La petizione va oltre i recenti WRO emessi contro entità specifiche in Cina e prende di mira tutti i prodotti di cotone fabbricati nella regione uigura, nonché qualsiasi bene prodotto al di fuori della regione uigura utilizzando i suoi input di cotone o impiegando lavoratori uiguri trasferiti.

A complemento dell'appello della Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura ai marchi di uscire dalla regione, la petizione cerca di creare la pressione del governo che molti attivisti considerano essenziale per affrontare il lavoro forzato nella regione.

Il guardiano relazioni:

Rahima Mahmut, portavoce del Congresso mondiale degli uiguri, uno dei gruppi elettorali che guidano le petizioni, spera che l'impatto economico di un divieto possa indurre Pechino a ripensare la sua politica del lavoro carcerario.

"Questa è una misura molto piccola rispetto ai terribili abusi che stanno accadendo agli uiguri nel Turkistan orientale [ora noto come Xinjiang] ... ma si spera che danneggerà economicamente la Cina e li incoraggerà a smetterla", dice.

[...] 

"Così tanti marchi internazionali si affidano al cotone di questa regione che sarebbe un enorme problema per la Cina se gli Stati Uniti imponessero un divieto", afferma Dearbhla Minogue, funzionario legale del Global Legal Action Network (Glan), co-sponsor di uno delle petizioni. 

Oltre un milione di uiguri e altre persone appartenenti a gruppi etnici a maggioranza turca e musulmana sono stati detenuti dal 2017 in un sistema di repressione in cui il lavoro forzato gioca un ruolo importante.

L'industria dell'abbigliamento è particolarmente a rischio di complicità, data la posizione della Cina come il più grande produttore di cotone al mondo e il fatto che l'84% del suo cotone viene coltivato nella regione uigura.

La petizione della scorsa settimana è l'ultima azione che Freedom United ha intrapreso nell'ambito della Coalizione, lanciata il mese scorso.

Il suo contenuto e il suo intento sono simili a quelli che il partner di Freedom United e membro della coalizione Global Legal Action Network (GLAN) ha presentato nel Regno Unito in aprile, che rimane in esame.

Freedom United si è riunita oltre 36,000 firme fino ad oggi chiedendo al governo cinese di porre fine al suo sistema di lavoro forzato.

Agisci e aggiungi il tuo nome oggi.

Maggiori informazioni sulla Coalizione qui.

Scopri di più sulla storia di Rahima qui.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rafael A Bustamante
Rafael A Bustamante
1 anno fa

Abbiamo bisogno dei marchi perché i marchi non sono solo attori politici economici ma anche rilevanti. Mettere al bando un Paese è metà della misura. Ogni dittatura ha i suoi sostenitori civici, economici, clericali / religiosi, militari e politici.

Senza intraprendere azioni, incolpiamo solo i governi, lasciando il resto delle responsabilità e delle complicità gratuite.

Janet Hudgins
Janet Hudgins
1 anno fa

È necessario conoscere l'etichetta o le etichette da cercare. Qualcuno sa?