Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Una nuova causa accusa l'UE di finanziare il lavoro forzato in Eritrea

  • Edizione del
    15 Maggio 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica
Banner eroe

Tra le prove crescenti che i finanziamenti dell'Unione europea stanno facilitando il lavoro forzato in Eritrea, un gruppo di eritrei con sede ad Amsterdam ha intentato una causa contro il blocco.

Nella prima mossa importante che cerca di ritenere l'UE responsabile delle sue spese nel continente africano, Human Rights for Eritreans ha accusato il blocco di finanziare un progetto nel loro paese d'origine che utilizza il lavoro forzato, oltre a offuscare intenzionalmente il processo di finanziamento e di non averlo garantire la supervisione.

Il progetto in questione prevede la costruzione di una strada che collega il confine dell'Eritrea con l'Etiopia alla città portuale di Massaua, che l'UE ha finanziato con il pagamento di attrezzature pesanti.

Il progetto infrastrutturale è stato rivelato a gennaio per reperire manodopera dal famigerato programma di coscrizione universale del paese, il che significa che la partecipazione di un numero imprecisato di suoi lavoratori è forzata.

Il finanziamento fa parte del Fondo fiduciario di emergenza dell'UE da 6 miliardi di dollari per l'Africa, istituito nel 2015 nel tentativo di arginare la migrazione dal continente.

Ma con il fondo legalmente separato dal bilancio principale dell'UE e classificato come "finanziamento di emergenza", c'è una grave mancanza di responsabilità e trasparenza - un'opacità che i critici sostengono è una strategia deliberata per eludere la supervisione.

Il New York Times relazioni:

“L'UE è sotto esame a diversi livelli, sia vicino a casa a livello del Parlamento europeo, sia più lontano, con la presentazione di una causa nei Paesi Bassi. Questo può essere solo positivo ", ha detto Laetitia Bader, l'esperta eritrea di Human Rights Watch.

Habte Hagos, co-fondatore del gruppo londinese Eritrea Focus, l'organizzazione dietro una causa britannica, rappresentata da Duncan Lewis Solicitors, ha lasciato l'Eritrea per la Gran Bretagna da giovane. Ha espresso incredulità sul fatto che l'Unione europea stesse pagando per un progetto che utilizzava coscritti, e ancor di più che il suo paese di adozione stesse contribuendo.

"Trovo assolutamente scioccante per l'Unione europea, visti i suoi impegni in materia di diritti umani, essere coinvolta in questo luogo in cui le persone sono schiavizzate per anni", ha detto. "In termini di Regno Unito, un paese che ha messo fuori legge la schiavitù molto tempo fa, mi sembra un doppio standard", ha aggiunto il signor Hagos.

La Commissione Europea, il braccio esecutivo dell'UE che ha autorizzato il finanziamento, ha difeso il finanziamento sostenendo di avere la possibilità di ispezionare il sito.

Tuttavia, queste ispezioni possono essere eseguite solo tramite il governo eritreo; gli ambasciatori che hanno visitato il sito a febbraio sono stati scortati da funzionari governativi, senza che sia consentito alcun accesso indipendente.

A causa di questa mancanza di controllo, questa settimana il Parlamento europeo voterà su una mozione per congelare la spesa in Eritrea.

Ma indipendentemente da questa decisione, gli esperti sostengono che il successo della causa è ancora fondamentale per creare un forte precedente legale e impedire all'UE di finanziare progetti simili in futuro.

Freedom United si è riunita oltre 75,000 firme chiedendo al governo eritreo di porre fine al suo sistema di lavoro di leva forzato. 

Stand con i sopravvissuti eritrei al lavoro forzato che fanno causa all'UE e aggiungi il tuo nome oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Binam
Binam
anni fa, 3

Ogni eritreo dovrebbe rappresentare uno schiavo

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più