Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La complicità del Regno Unito nella schiavitù moderna attraverso le sue catene di approvvigionamento

  • Edizione del
    24 Maggio 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, tratta di esseri umani, filiera
Banner eroe

Il lancio dell’ultimo Global Slavery Index questa settimana da parte del gruppo internazionale anti-schiavitù e per i diritti umani Walk Free dipinge un quadro desolante. Si stima che circa 50 milioni di persone in tutto il mondo vivano in condizioni di schiavitù moderna e, sebbene il Regno Unito sia in cima alla lista dei paesi che hanno intrapreso maggiori azioni contro la schiavitù moderna, rimane complice nel perpetuare queste ingiustizie sia a livello nazionale che attraverso le catene di approvvigionamento globali. .

Importazione di merci contaminate

Nasreen, sopravvissuta al lavoro minorile forzato e co-direttore dell’organizzazione americana contro la schiavitù moderna Empowerment Collective, ha spiegato a Sky News come la schiavitù moderna sia intrecciata nelle catene di approvvigionamento globali ed esportata in prodotti che finiscono nei paesi ad alto reddito. Lei disse:

"Il lavoro forzato si trova nei paesi a basso reddito, ma è profondamente connesso alla domanda dei paesi a reddito più elevato", ha affermato.

“Queste persone sono nascoste, invisibili. Non hanno voce. Sono così traumatizzati che non possono parlare da soli”.

Sebbene il numero stimato di persone che vivono in schiavitù moderna nel Regno Unito sia di circa 122,000, questo numero non tiene conto del numero di persone costrette al lavoro forzato a livello globale che lavorano duramente nella produzione di beni per il consumo del Regno Unito. Il Regno Unito importa circa 21 miliardi di sterline di beni che rischiano di essere realizzati con il lavoro forzato, tra cui prodotti elettronici, legname, tessili e tessuti.

Fuggire dai matrimoni precoci per cadere nel lavoro minorile forzato

Nasreen ha esperienza diretta di cosa significhi essere sfruttati all'estremità acuta delle catene di approvvigionamento, costretti a lavorare in un'officina sfruttata che produce indumenti per l'esportazione globale.

Da bambina in Nepal, Nasreen ha visto sua sorella di 12 anni terrorizzata costretta a sposarsi. Sua madre le assicurò che sarebbe stata la prossima. A nove anni e con l'aiuto di un cugino, Nasreen è fuggita dalla sua casa rurale in Nepal a Kathmandu. Non aveva alcun atto di nascita e quindi nessun documento di identificazione. È stata assunta in un'azienda sfruttatrice dove racconta di lavorare 15 ore al giorno.

Nasreen lo ha detto a Megan Baynes Notizie dal cielo: 

“Cercavo la libertà e una vita migliore e sono finita come lavoro minorile forzato, in una di queste minuscole stanze in una fabbrica tessile con altre sei persone – era regolamentata in modo impreciso, senza finestre e le porte chiuse”

Sebbene sia riuscita a fuggire con l’aiuto di un mentore, ha riconosciuto che la profondità delle convinzioni culturali radicate che circondano certe pratiche è complessa e non facilmente superabile. Nasreen ha spiegato:

“Ho chiesto a mia madre perché stai costringendo mia sorella e lei ha detto che non è che lo sto facendo – è così che è la nostra cultura.

"Ecco com'è la nostra società: questo è quello che è successo a me, questo è quello che è successo a tua sorella, poi succederà a te".

"Il lavoro minorile e la schiavitù moderna sono così normalizzati nella nostra parte del mondo", ha aggiunto. "Molte vittime non lo vedono come un problema perché anche il trauma è normalizzato".

Il Regno Unito ha molto lavoro da fare

Nonostante gli sforzi dei paesi per combattere la schiavitù moderna, nessun governo sta facendo abbastanza per raggiungere l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 8.7 delle Nazioni Unite. porre fine alla schiavitù moderna, al lavoro forzato e al traffico di esseri umani entro il 2030.

Sebbene possa essere in cima alla lista dei paesi del Global Slavery Index che agiscono contro la schiavitù moderna, la realtà che devono affrontare i sopravvissuti alla schiavitù moderna nel Regno Unito è desolante. Il governo del Regno Unito sembra impegnato a ridurre drasticamente le protezioni per le vittime della schiavitù moderna attraverso il Refugee Ban Bill che si sta attualmente facendo strada in parlamento. Questa proposta di legge è stata ampiamente criticata e l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha avvertito che questo disegno di legge minerà il sistema internazionale di protezione dei rifugiati se approvato nella sua forma attuale.

A ciò si aggiunge un assalto di retorica dannosa da parte del governo britannico contro i sopravvissuti alla schiavitù moderna e le persone migranti. Freedom United chiede urgentemente al Regno Unito e a tutti i governi di smettere di usare una dannosa retorica anti-tratta per giustificare politiche di immigrazione sempre più restrittive che minano i diritti delle vittime.

Scegli un azione

La comunità Freedom United chiede l'approvazione della legislazione obbligatoria sulla due diligence sui diritti umani nel Regno Unito per aiutare ad affrontare le violazioni dei diritti umani e ambientali in tutto il mondo e consentire ai lavoratori delle catene di approvvigionamento di accedere alla giustizia. Firma oggi la petizione.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più