Truffe romantiche online che nascondono torture e schiavitù moderna

Truffe romantiche online che nascondono torture e schiavitù moderna

  • Edizione del
    21 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù per debiti, lavoro forzato, traffico di esseri umani
Banner eroe

Avvertenza: questa storia contiene dettagli di violenza, inclusa la violenza sessuale, che potrebbero essere inquietanti. I nomi sono stati cambiati per proteggere l'identità.

Le truffe romantiche online sono all'ordine del giorno per molti che vivono nel mondo di oggi, ma dietro queste truffe si nasconde anche una forma sempre più comune di sfruttamento e di schiavitù moderna. I migranti provenienti dal Sud-Est asiatico, tentati dalla promessa di un lavoro con un salario minimo, vengono indotti in numero crescente al debito e alla schiavitù moderna. Venduti dai reclutatori per truffare complessi nel profondo della giungla, la BBC ha riferito sui migranti costretti a gestire queste truffe romantiche sotto la minaccia di violenza, con il pagamento del riscatto spesso la loro unica speranza di fuga.

I sogni di una vita migliore si sono trasformati in un incubo pieno di torture

Lo Sri Lanka è stato duramente colpito da una crisi economica in corso. Così, quando Ravi, uno specialista informatico appena sposato, ha saputo da un reclutatore locale di un lavoro di inserimento dati a Bangkok con uno stipendio mensile che poteva solo sognare, ha colto al volo l'occasione. Come molti altri, Ravi ha chiesto un prestito per pagare la parcella del reclutatore, ma una volta sbarcato in Thailandia è stato consegnato a uomini armati che lo hanno portato oltre il confine con il Myanmar. Da lì si addentrarono nella giungla fino a raggiungere un complesso con alte mura circondate da filo spinato e protetto 24 ore su 40 da guardie armate. Ravi si è trovato intrappolato con circa XNUMX giovani uomini e donne, tra cui altri srilankesi, nonché persone provenienti da Pakistan, India, Bangladesh e vari paesi africani. È stato detto loro che dovevano aiutare a ingannare uomini ricchi e soli con migliaia di dollari nelle cosiddette truffe romantiche, altrimenti sarebbero stati torturati.

Ravi ha detto:

“Mi hanno spogliato dei vestiti, mi hanno fatto sedere su una sedia e mi hanno dato scosse elettriche alle gambe. Pensavo che fosse la fine della mia vita”.

Per 16 giorni Ravi è stato tenuto in una cella, senza cibo e da bere solo acqua mescolata con mozziconi di sigaretta e cenere, rifiutandosi di svolgere il lavoro nonostante le torture. Ma quando hanno violentato in gruppo due ragazze davanti a lui, si è reso conto che i gangster di lingua cinese non ci avrebbero pensato due volte ad ucciderlo se non avesse collaborato. Ravi ha detto che lui e gli altri erano costretti a lavorare fino a 22 ore al giorno, ottenendo solo un giorno libero al mese. Sono state costrette a costruire relazioni romantiche con uomini ricchi, in particolare nei paesi occidentali, utilizzando numeri di telefono, social media e altre piattaforme di messaggistica rubati. L’obiettivo finale era convincerli a investire ingenti somme di denaro in false piattaforme di trading online, una volta “investite” i loro falsi amanti si scioglievano.

Paga per uscire o verrai venduto in futuro

A Rapporto ONU 2023 ha scoperto che si stima che più di 120,000 persone siano state intrappolate come “schiavi informatici” nei centri di scansione del Myanmar, la maggior parte dei quali uomini provenienti dall’Asia, come Ravi. Alimentati da un flusso costante di migranti disperati, i centri truffa stanno spuntando in tutto il sud-est asiatico, ma è così particolarmente diffuso in Myanmar.

I numeri esatti non sono noti a causa della natura illecita del crimine, ma si stima che la schiavitù informatica stia fruttando miliardi di dollari alle organizzazioni criminali cinesi e ai vari gruppi armati che operano nelle città di confine dell’area.

Uno degli unici modi per sfuggire alle bande è pagare un riscatto esorbitante, altrimenti è un ciclo infinito di truffe e torture. È così che Neel, anch'egli trafficato in Myanmar insieme ad altri cinque uomini indiani e due donne filippine, è fuggito. L'amica d'infanzia di sua madre gli aveva promesso un lavoro in un call center a Bangkok, ma all'arrivo si è reso conto che le cose non erano come promesso.

Neel ha detto:

“C'erano diverse società, tutte truffatrici, (e) siamo stati venduti a quelle società. Quando abbiamo raggiunto quel posto (il complesso), ho perso la speranza. Se mia madre non avesse dato loro i soldi del riscatto, sarei stato torturato come gli altri”.

Neel si è rifiutato di truffare quando è arrivato, così come Ravi, ma è stato fortunato perché la sua famiglia è stata in grado di pagare più di 7,000 dollari per ottenere il suo rilascio. Tuttavia, prima di partire, ha assistito a punizioni brutali inflitte a coloro che non raggiungevano gli obiettivi prefissati o non potevano permettersi di pagare il riscatto, come aveva fatto la famiglia di Neel. Durante i suoi primi sei mesi da schiavo informatico, Ravi è stato torturato e venduto a varie bande perché si rifiutava di truffare. È sopravvissuto e alla fine è scappato grazie alla sua esperienza nel software per computer. Offrendogli un'"ultima possibilità" dal capo gangster, Ravi ha usato le sue capacità per quattro mesi per gestire gli account Facebook creati utilizzando una VPN, app di intelligenza artificiale e videocamere 3D per evitare torture, a quel punto metà del suo corpo era paralizzata a causa di tortura.

Ravi ha quindi implorato di poter andare in Sri Lanka a visitare la madre malata. Solo dopo aver pagato un riscatto di 2,000 dollari e 650 dollari per il trasporto attraverso il fiume in Thailandia, il capo della banda ha acconsentito. Ma il ritorno a casa di Ravi è stato agrodolce dato che ora aveva più di 6,000 dollari di debiti, i suoi genitori avevano preso in prestito contro la loro casa per ottenere i soldi del riscatto.

Oggi Ravi vede a malapena la sua nuova sposa o la sua famiglia dire con amarezza: “Lavoro giorno e notte in un garage per saldare questo debito. Abbiamo impegnato entrambe le nostre fedi nuziali per pagare gli interessi. Nonostante ciò, Ravi sa di essere uno dei fortunati poiché molti altri sono ancora intrappolati nella schiavitù moderna, costretti a usare il romanticismo o qualche altro stratagemma per truffare denaro da persone ignare in tutto il mondo.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
7 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dan
Dan
1 mese fa

Tutti odiamo quelle e-mail truffa e ci sono persino bacheche che si divertono a ottenere una piccola "rivincita" su questi truffatori. Dopo aver letto questo articolo, mi sento malissimo per le persone costrette a farlo. Esiste un modo per aiutare un "truffatore" o è totalmente ingenuo da parte mia?

michele
michele
1 mese fa

Che crudele! Possa il nostro far luce su questo e aggiungere le nostre voci liberare questa ingiustizia.

Carol Yost
Carol Yost
1 mese fa

Il tuo lavoro è fantastico! Come possiamo arrestare questi truffatori?

prato
prato
1 mese fa

*qualsiasi opzione per supportare Ravi...

prato
prato
1 mese fa

Esiste la possibilità di sostenere direttamente Ravioli e la sua famiglia?

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più