Affidamento e traffico sessuale

Le lacune nello screening aumentano la vulnerabilità dei bambini affidatari alla tratta

  • Edizione del
    Dicembre 6, 2023
  • Categoria:
    Schiavitù minorile
Banner eroe

In mezzo alle crescenti preoccupazioni sul traffico sessuale, un audit federale rivela carenze critiche nei protocolli di screening per i bambini affidatari, lasciando molti vulnerabili allo sfruttamento. Anticipo del Michigan condivide la storia dell'ex bambino adottivo e sopravvissuto al traffico sessuale T Ortiz e approfondisce gli stati che non rispettano il loro dovere di proteggere i bambini vulnerabili.

underserved comunità a rischio più elevato, favorire bambini particolarmente vulnerabile

Secondo statistiche recenti, fino al 60% dei minori vittime della tratta a fini sessuali sono stati o sono in affidamento, e un terzo dei giovani vulnerabili riferisce di essere scappato o di essere stato espulso prima di cadere preda della tratta. I bambini in affidamento di colore corrono un rischio sproporzionato di essere vittime della tratta, evidenziando vulnerabilità sistemiche intersezionali.

La storia del sopravvissuto T Ortiz illustra lo sfruttamento della fiducia. Trafficata dall'età di cinque anni, Ortiz racconta come un barbiere l'ha sottoposta alla tratta. Nonostante fosse in custodia statale, Ortiz ha dovuto affrontare abusi e sfruttamento fino all’età di 17 anni, sottolineando la necessità di misure protettive in affidamento.

"C'è un giovane che già adesso non si fida degli adulti e non riesce a ottenere la connessione di cui ha bisogno dal suo assistente sociale. Non ottengono ciò di cui hanno bisogno. Si stanno orientando maggiormente verso i trafficanti”. – Binley Taylor, direttore del cambiamento di sistema presso FosterClub

Note legali lacunee discrepanze fra leggi e la realtà

Una legge federale del 2014 impone lo screening per i bambini scomparsi sfruttati sessualmente, ma recenti audit in cinque stati rivelano che il 65% dei casi di bambini rimpatriati non è mai stato sottoposto a screening. Nonostante la legge, alcuni stati hanno documentato screening fino al 15%, sollevando preoccupazioni sull’efficacia. Solo 11 stati e Washington, DC, richiedono alle agenzie di assistenza all’infanzia di selezionare le potenziali vittime della tratta, indicando un divario significativo tra i mandati federali e le azioni statali.

“Abbiamo lavoratori che non sono sempre ben formati, non sempre ben supportati e potrebbero non essere consapevoli di ciò che la politica richiede. " – Melissa Carter, direttrice esecutiva del Barton Child Law and Policy Center presso la Emory University di Atlanta

I sostenitori, tra cui T Ortiz, sottolineano la necessità di uniformità nei modelli di screening e invitano le legislature statali a imporre screening per tutti i giovani coinvolti nel sistema, compresi gli assistenti sociali. L’inadeguatezza degli strumenti standardizzati, la formazione insufficiente dei professionisti nel settore del benessere dei minori e la mancanza di condivisione dei dati tra gli Stati contribuiscono ulteriormente alle sfide nel riconoscere e combattere il traffico sessuale minorile.

“Se non lo vediamo come un problema sovrapposto e interconnesso, non ne raggiungeremo la causa principale”. – T. Ortiz

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più