Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Smascherare la realtà del traffico di esseri umani lungo il confine tra Stati Uniti e Messico

  • Edizione del
    11 settembre 2023
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani

Nell'ambito del programma Donne e Politica Estera Democrazia, corruzione e lotta alla tratta di esseri umani Project, Melissa IM Torres è stata intervistata sui nuovi approcci per affrontare la tratta di esseri umani lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. Guarda l'intervista originale qui.

Non sono colpiti solo i migranti

Torres sottolinea che il campo per comprendere chi è vulnerabile alla tratta di esseri umani è troppo ristretto. La tratta di esseri umani al confine tra Stati Uniti e Messico è un problema che non si limita ai migranti e ai cartelli, ma anche alle comunità che vivono lungo il confine. Afferma infatti che coloro che vivono sul versante statunitense sono tra i più vulnerabili alla tratta. Il principale sostenitore della vulnerabilità alla tratta è la povertà. Torres spiega che è necessario prestare maggiore attenzione alle cause sistemiche e alla protezione contro la tratta di esseri umani, come la riduzione della povertà, una migliore istruzione e sistemi sanitari.

“I confini sono visti solo come una sorta di territorio di immigrati. Ma è una comunità binazionale in cui le persone soffrono”.

La normalizzazione dello sfruttamento porta a cifre elevate di casi di tratta sconosciuti

Un problema significativo è la mancanza di comprensione del traffico di esseri umani tra i migranti, le comunità di confine e il personale che lavora nella zona. Torres sottolinea la necessità di considerare la lingua e il contesto culturale. Inoltre, lo sfruttamento è diventato così normale nelle comunità migranti da non essere più considerato un crimine. Provenendo da situazioni spesso anche peggiori, molti non vedono altra scelta se non quella di accettare un lavoro poco retribuito, perché è meglio di nessun lavoro.

Dobbiamo fare un lavoro molto migliore per sensibilizzare sull’effettivo crimine della tratta in modo che più persone capiscano quando avviene.    

Torres condivide anche che la nozione di immigrati “illegali” porta molte vittime a credere di non avere diritti e di non cercare giustizia. Invece, sopportano lo sfruttamento e i loro casi passano inosservati.

Un altro fattore da considerare è che molti minori non accompagnati vengono spesso mandati negli Stati Uniti per lavorare e restituire denaro alle loro famiglie. All’arrivo negli Stati Uniti, molti si trovano in situazioni in cui, oltre ad andare a scuola, devono pagare beni di prima necessità come cibo e affitto. Le aspettative di questi bambini migranti sono estremamente ampie e culturalmente complesse. Invece di vietare ai bambini di lavorare e quindi costringerli a trovare mezzi alternativi, lasciandoli vulnerabili allo sfruttamento, è necessario che ci siano giuste opportunità di lavoro per loro.

Mancanza di attenzione al traffico di manodopera

Torres ha infine criticato la mancanza di meccanismi e servizi di protezione per le vittime dello sfruttamento lavorativo. Pertanto, i sistemi esistenti spesso si concentrano sul traffico sessuale, anche se la maggior parte dei bambini identificati nella regione vengono vittime della tratta e dello sfruttamento lavorativo. Inoltre, in relazione a ciò, gli uomini vengono spesso lasciati indietro poiché molti rifugi non li accolgono.

Torres ha inoltre sottolineato che il governo deve fare di più per garantire che i migranti e le comunità di confine siano protetti dalla tratta di esseri umani. Puoi aiutarci firmando la nostra petizione per autentiche politiche anti-tratta qui!

 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più