La Volkswagen si piega alla pressione, controllerà lo stabilimento della regione uigura - FreedomUnited.org

La Volkswagen si piega alla pressione, controllerà lo stabilimento della regione uigura

  • Edizione del
    23 Giugno 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, filiera
Banner eroe

La recente assemblea generale annuale (AGM) della Volkswagen ha scatenato un'interessante settimana di attivismo con proteste online, interne e di persona, tra cui la comunità Freedom United e i nostri partner.

La torta è stata lanciata, sono stati inviati tweete importanti stakeholder, tra cui Deka, Union Investment e l'Organizzazione ombrello per gli azionisti critici, hanno chiesto un immediato audit indipendente dello stabilimento della società nella regione uigura della Cina.

La parola del capo cinese non è più abbastanza buona

Durante una precedente visita allo stabilimento nel febbraio 2023, il capo cinese della Volkswagen ha affermato di non aver trovato segni di lavoro forzato. All'AGM, ha proclamato: "Non ho motivo di dubitare delle mie impressioni o delle informazioni a mia disposizione".

Le sue "impressioni" chiaramente hanno fatto poco per influenzare gli investitori.

Victoria Waldersee per Reuters rapporti,

"Questo audit deve essere eseguito tempestivamente affinché Volkswagen rimanga investibile", ha affermato Janne Werning di Union Investment, aggiungendo che deve essere svolto anche da un'azienda rispettabile e i risultati devono essere condivisi pubblicamente per intero.

Ingo Speich, responsabile della sostenibilità e della corporate governance presso Deka, uno dei primi 20 azionisti di Volkswagen, ha elogiato la decisione di procedere con l'audit come un "chiaro segnale verso la creazione di trasparenza", ma ha affermato che un'azienda riconosciuta deve eseguire l'audit.

Tuttavia, l'ampia repressione delle società di consulenza e di due diligence in Cina, alcune delle quali rifiutano di effettuare audit nello Xinjiang a causa dell'accresciuta difficoltà di accertare rapporti affidabili lì, solleva interrogativi sull'affidabilità del risultato, ha affermato l'Organizzazione ombrello per gli azionisti critici.

Mostra e racconta?

Ad oggi, la Volkswagen è stata una delle poche aziende che non si è preoccupata di dimostrare la propria distanza dal sistema di lavoro forzato uiguro. Sta, infatti, mantenendo una presenza fisica nella Regione uigura che non è nemmeno redditizia.

Sebbene questo imminente audit riconosca sia il potenziale rischio di lavoro forzato uiguro nella loro catena di fornitura, sia un cambiamento nella strategia delle pubbliche relazioni, è altamente improbabile che l’audit sia accurato. Inoltre, è ancora da vedere chi condurrà l’audit, quale sarà la sua portata e quanto trasparente sarà la società riguardo ai risultati.

Il Congresso mondiale degli uiguri è molto scettico. “Nessun lavoratore può parlare liberamente senza mettere in pericolo se stesso e la sua famiglia. Abbiamo seri dubbi su come Volkswagen intenda condurre una revisione indipendente”.

Mantieni alta la pressione!

Il tempo della Volkswagen al centro dell'attenzione non è affatto finito. Il Centro europeo per i diritti costituzionali e umani con sede a Berlino ha intentato una causa contro l'azienda, chiedendo prove del fatto che essa monitora i rischi legati al lavoro forzato sia interni che dei fornitori e subfornitori.

Mentre la pressione aumenta su Volkswagen, gruppi di difesa come Freedom United continuano a guidare gli sforzi per ritenere l'azienda responsabile.

Guarda la prima del nuovo stimolante documentario sulla conservazione del movimento oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vittoria
Vittoria
7 mesi fa

Nonostante i dubbi su come esattamente i revisori otterranno informazioni complete e oneste, è davvero una buona notizia che la voce degli azionisti sia stata abbastanza potente da forzare un ripensamento sull'accettazione della parola del "capo cinese". Il movimento per informare e responsabilizzare gli azionisti è stato così utile. Grazie, e ben fatto, a FREEDOM UNITED.

T.J. Lim
T.J. Lim
7 mesi fa

Le verità sul lavoro forzato in Cina sono infatti molto ben nascoste e sostituite da mezze verità

La sezione settimana

Le catene di fornitura trasparenti sono l’unica via da seguire per le imprese

In un’era definita da una maggiore consapevolezza delle preoccupazioni ambientali e sociali, compreso il lavoro forzato, il panorama aziendale sta subendo una profonda trasformazione verso la responsabilità e la sostenibilità, indipendentemente dal fatto che le aziende lo vogliano o meno. Il recente accordo provvisorio raggiunto dal Consiglio dell’UE e dal Parlamento Europeo sulla Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence (CSDDD) sottolinea la realtà che la responsabilità aziendale

| Venerdì febbraio 23, 2024

Leggi di più