Schiavitù, tortura e abusi nei centri di detenzione della Libia

Schiavitù, tortura e abusi nei centri di detenzione della Libia, afferma il rapporto delle Nazioni Unite

  • Edizione del
    28 Maggio 2022
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani
Banner eroe

"I migranti sono stati estremamente vulnerabili alle violazioni dei diritti umani e regolarmente sottoposti ad atti di schiavitù, stupri e torture" in Libia, secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite ottenuto dall'Associated Press.  

Eccellenti violazioni dei diritti sia nelle strutture di detenzione ufficiali che in quelle segrete 

Il rapporto documenta le violazioni dei diritti umani inflitte a quattro migranti che erano detenuti dai trafficanti in strutture di detenzione segrete a Tazirbu e Bani Walid. Dopo aver ridotto in schiavitù le loro vittime, i trafficanti hanno inflitto loro gravi abusi fisici, le hanno affamate e hanno rifiutato loro l'assistenza medica.  

Al Jazeera cita il rapporto: 

Due ex detenute, che all'epoca erano ragazze di 14 e 15 anni, hanno inoltre testimoniato alla giuria che più autori le hanno violentate ripetutamente, le hanno sottoposte a schiavitù sessuale e altre forme di violenza sessuale per un periodo di oltre 18 mesi in una struttura di detenzione segreta a Bani Walid. 

Anche le persone detenute nei centri di detenzione gestiti dal governo stanno affrontando violenze e abbandono di routine. Il rapporto ha rilevato che le guardie hanno commesso o consentito lo stupro e lo sfruttamento sessuale di donne e ragazze detenute presso il centro ufficiale di Shara al-Zawiya tra gennaio e giugno 2021.  

Di' all'UE di porre fine a questo sfruttamento 

Nonostante l'ampia evidenza di eclatanti violazioni dei diritti umani contro migranti e rifugiati in Libia, l'Unione Europea continua a sostenere le autorità libiche per il rimpatrio delle persone intercettate nel Mediterraneo nel Paese. 

La comunità Freedom United, insieme ai partner, chiede all’UE di smettere di facilitare la riduzione in schiavitù delle persone in Libia. Esortiamo gli Stati membri a spingere per la chiusura di tutti i centri di detenzione in Libia, il rilascio e l'evacuazione di tutti coloro che vi sono trattenuti e l'istituzione di un meccanismo alternativo di sbarco e ricollocazione in grado di garantire la sicurezza delle persone in fuga da questi abusi e sfruttamento.  

Unisciti a noi oggi. Firma la petizione e chiedi un'azione immediata.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più