Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Profughi vittime della moderna schiavitù che lottano per far fronte a una pandemia

  • Edizione del
    21 Maggio 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19
Banner eroe

La pandemia di coronavirus sta devastando rifugiati già vulnerabili e sfollati interni in tutto il mondo, ha avvertito un nuovo studio lunedì. 

Il rapporto dell'Università di Birmingham, che include testimonianze di oltre 90 sopravvissuti e fornitori di servizi in tutto il mondo, rivela i modi in cui la pandemia sta esacerbando le vulnerabilità ei traumi esistenti.

Molti rifugiati vittime della tratta si ritrovano isolati con i loro trafficanti, con un alto rischio di abusi e nessun accesso a rifugi, fondi pubblici, lavoro legale e altri mezzi di salvataggio chiave.

I migranti privi di documenti, in particolare, rischiano di soffrire inosservati perché la paura della deportazione impedisce a molti di cercare aiuto.

Il rapporto rileva inoltre che in alcuni paesi i fornitori di servizi affermano che le conseguenze economiche negative della pandemia aumentano il rischio di matrimoni precoci forzati.

L'autrice principale del rapporto, Jenny Phillimore, ha avvertito che alcune donne e bambini nelle comunità di rifugiati sono "del tutto indigenti e dipendono dalla generosità dei vicini".

Il guardiano relazioni:

Tracy, 26 anni, una nigeriana sopravvissuta alla tratta che vive in un rifugio dell'Organizzazione internazionale per la migrazione in Tunisia con il marito, Endurance, ha descritto la vita come "insopportabilmente difficile" dall'inizio della pandemia.

La coppia, che ha uno status di immigrazione irregolare, sta lottando per nutrirsi, dicendo che sta per morire di fame.

“La vita qui in questa pandemia è così dura, specialmente per noi migranti. Ci hanno dato solo 30 dinari [£ 8] da mangiare per sette giorni ma questo non può nemmeno darci da mangiare per due giorni, quindi ora mangiamo solo una volta al giorno. È molto difficile e non abbiamo nessuno ", ha detto Tracy.

La salute mentale dei rifugiati vittime e sopravvissuti alla schiavitù moderna è un ulteriore motivo di grave preoccupazione, con il rapporto che rileva aumenti di ansia, insonnia e idee suicide.

Con i servizi terapeutici di persona annullati e la povertà digitale che limita l'accesso a queste risorse online, molti rifugiati si trovano senza un posto a cui rivolgersi.

È fondamentale che i governi agiscano ora per mitigare il drastico aumento del rischio di schiavitù moderna che la pandemia sta causando. Leggi Freedom United's nuovo invito all'azione scoprire di più.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più