In conclusione: il sostegno nascosto dell’Europa alle atrocità dei migranti

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

  • Edizione del
    22 Maggio 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù per debiti, tratta di esseri umani, diritto e politica, schiavitù carceraria
Banner eroe

È ben documentato che politiche di immigrazione disumane stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa a livello globale. Tuttavia, un'indagine durata un anno da parte del Il Washington Post, Rapporti sul faro, e un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa degli attraversamenti imprecisi dei canali e del fatto di essere stipati nel retro dei camion frigo. Per dissuadere i migranti subsahariani dal tentare di raggiungere l’Europa, almeno tre nazioni nordafricane stanno adottando pratiche draconiane. Le prove mostrano che i migranti, comprese donne incinte e bambini, vengono sistematicamente radunati e scaricati in aree remote a chilometri di distanza dall’acqua, dal cibo o dai ripari, lasciandoli esposti alle intemperie e ad enorme rischio per la loro vita e per la tratta di esseri umani. E viene finanziato e fornito clandestinamente dall’Europa.

L’Europa è un partner silenzioso nel “lavoro sporco” della deterrenza

L’indagine si è concentrata su tre paesi con profondi partenariati con l’UE: Tunisia, Marocco e Mauritania. Ha rivelato le loro operazioni sistemiche e aggressive nei confronti dei migranti nordafricani, per lo più neri. Secondo il rapporto, ogni anno decine di migliaia di migranti vengono detenuti e abbandonati in aree estremamente remote, spesso deserti aridi. Questo viene fatto per creare sofferenze così estreme da fungere da deterrente. L’addestramento, i camion e le attrezzature utilizzate in queste crudeli operazioni possono essere ricondotte al denaro e alle spedizioni provenienti dall’Europa.

Marie-Laure Basilien-Gainche, esperta giuridica e di diritti umani, ha affermato:

“Gli Stati europei non vogliono essere quelli che hanno le mani sporche. Non vogliono essere considerati responsabili della violazione dei diritti umani, per questo subappaltano queste violazioni a stati terzi”.

Abbandonati senza cibo né acqua nelle zone più inospitali del Nord Africa, i migranti, comprese donne incinte e bambini, possono vagare per giorni prima di trovare riparo e sicurezza. Le discariche nel deserto li espongono inoltre a maggiori rischi di rapimenti, estorsioni, schiavitù moderna, tortura, violenza sessuale e persino morte. Nel 2019, un rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e di Frontex, l’agenzia europea per le frontiere, ha segnalato queste pratiche abusive, portando a discussioni interne da parte dei funzionari europei. Cinque anni dopo, la mancanza di una risposta adeguata indica una tacita volontà da parte dell’Europa di guardare dall’altra parte pur continuando a finanziare politiche disumane e abusive al di fuori dei propri confini.

Le politiche barbare inseguono i migranti “come animali”

Le interviste con 50 migranti vittime della politica dei rastrellamenti e delle discariche evidenziano la crudeltà abietta di questo approccio alla deterrenza. Due donne della Guinea, insieme al loro gruppo, sono state lasciate dalle forze mauritane in una parte desolata e disabitata della frontiera con il Mali. Furono “inseguiti” verso il confine “come animali”, dove dovettero camminare per quattro giorni fino a raggiungere un villaggio. Lamine, un 25enne della Guinea, ha detto che nonostante avesse i documenti di rifugiato dell'UNHCR, è stato ripetutamente picchiato e detenuto dalle forze marocchine a Rabat, quindi scaricato nell'interno. Uno dei resoconti più inquietanti riguarda i migranti rastrellati e venduti da ufficiali governativi tunisini per poco più di 6 dollari ciascuno ad agenti militari senza scrupoli in Libia. Uno di quelli venduti era Moussa, un giovane camerunese.

Moussa ha dichiarato:

“Quello che ci stanno facendo è ancora il sistema della schiavitù, non hanno rispetto per gli esseri umani, nessun rispetto per l’uomo africano”.

Dopo essere stati venduti, Moussa e il suo gruppo sono stati trattenuti da miliziani in borghese armati di fucili AR e portati in una piccola prigione dal pavimento in terra battuta dove circa 500 migranti erano ammassati sotto un tetto di lamiera. I prigionieri sono stati costretti a fornire un numero di telefono per poter chiedere un riscatto alle loro famiglie. Con solo un buco in un angolo come toilette, venivano nutriti una volta al giorno e picchiati ripetutamente, lasciando dietro di sé cicatrici dovute ai colpi di machete da parte delle guardie. Per tenere sotto controllo i migranti, i sequestratori hanno anche sparato con le armi a caso. Prima che Moussa venisse rilasciato perché sua madre aveva pagato il riscatto, aveva assistito alla morte di tre migranti per ferite causate da proiettili vaganti. I camion utilizzati dalle forze di sicurezza tunisine per radunare Moussa e il suo gruppo sono stati forniti dall’Italia e dalla Germania per “combattere i trafficanti di esseri umani” o “combattere l’immigrazione irregolare e la criminalità organizzata”. Mentre le forze tunisine hanno svolto il lavoro sporco, l’indagine dimostra chiaramente che è l’Europa a fornire il sostegno materiale per facilitare queste violazioni dei diritti umani.

 Le brutali politiche di immigrazione dell'Europa dall'inizio alla fine

Sia all'aperto, come con il Legge sul Ruanda nel Regno Unito e l’Illegal Migration Act, o dietro le quinte, con i finanziamenti europei e il sostegno materiale per i rastrellamenti spietati e la deterrenza delle discariche in Nord Africa, i diritti umani più basilari dei migranti non vengono tutelati. Questo approccio spietato all’immigrazione deve finire. Abbiamo bisogno di politiche compassionevoli, non di deterrenza spietata, per aiutare le persone a presentare domanda e a muoversi attraverso il sistema di immigrazione senza danni e con la loro dignità intatta. Freedom United sostiene politiche migratorie umane che proteggano le persone dalla tratta. Firma la nostra petizione chiedere autentiche politiche anti-tratta e politiche di immigrazione umane.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Jill
Jill
19 giorni fa

Cosa consideri una soluzione reale? Quanti migranti ti aspetti che un Paese accetti? Vivo negli Stati Uniti, presumibilmente uno dei paesi più ricchi del mondo, siamo stati completamente sopraffatti dagli immigrati ILLEGALI. La maggior parte di loro sembra non avere alcun interesse a diventare dei veri americani. Non hanno alcun rispetto per le nostre leggi, la nostra cultura, le nostre convinzioni, le cose che amiamo, rispettiamo, apprezziamo... Abbiamo già speso MILIARDI e centinaia di migliaia di altri arriveranno. La nostra stessa gente soffre nelle strade

Riccardo Pusceddu
Riccardo Pusceddu
19 giorni fa

I diritti umani stanno diventando sempre più un lasciapassare per far pagare agli occidentali le colpe del terzo mondo. Se le cose continuano in questo modo, gli occidentali diventeranno sempre più ostili verso i rifugiati e potrebbero finire per votare per governi che si ritireranno dai rifugiati e da simili convenzioni sui diritti umani.

Craig Northacker
Craig Northacker
19 giorni fa

Questa politica potrebbe essere il risultato delle politiche delle Nazioni Unite riguardanti l’abbattimento della popolazione mondiale. Anche se non ricordo il nome del documento politico, esso venne sostenuto quando Kissinger scrisse il NSSM 200 sotto Nixon.

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più