Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Lavoratori migranti incarcerati in Qatar per richieste di salari dovuti

  • Edizione del
    26 Maggio 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Servitù per debiti
Banner eroe

A cinque mesi dalla finale della Coppa del Mondo, i lavoratori migranti continuano a denunciare pratiche di sfruttamento del lavoro e maltrattamenti da parte delle autorità del Qatar. Tre ex guardie di sicurezza sono state incarcerate in Qatar per quattro mesi a seguito delle loro ripetute richieste di salari non pagati dal loro datore di lavoro, Stark Security Services.

Sebbene lodati dalla FIFA come un'opportunità per migliorare il trattamento del Qatar nei confronti dei lavoratori migranti, i lavoratori che hanno faticato per realizzare il più grande torneo sportivo del mondo continuano a riferire come la Coppa del mondo non abbia in realtà cambiato le cose in meglio.

Risoluzione anticipata del contratto

Shakir Ullah, Zafar Iqbal e un altro collega erano tra le centinaia di guardie di sicurezza licenziate prima della fine del loro contratto dopo la finale della Coppa del Mondo. Sono stati quindi arrestati dopo aver chiesto il salario dovuto a seguito della risoluzione anticipata dei loro contratti. I tre uomini sarebbero stati condannati a sei mesi di carcere e multati di 10,000 riyal ($ 2,744) ciascuno.

La risoluzione anticipata dei contratti può avere un impatto devastante sui lavoratori migranti spesso poco pagati che accumulano enormi debiti per assicurarsi un impiego in Qatar. Incapaci di saldare questi debiti, i lavoratori sono a rischio di sfruttamento e minacce da parte degli istituti di credito. 

Mustafa Qadri, direttore dell'organizzazione per i diritti umani e del lavoro Equidem, ha dichiarato: "Questo è il vero costo dello sconsiderato disprezzo della Fifa per i diritti delle persone che le aiutano a generare enormi profitti".

Jacob e Patrick (non i loro veri nomi) sono altre due ex guardie di sicurezza del Kenya che hanno subito un trattamento simile e sono state informate di essere state licenziate non appena è suonato l'ultimo fischio nella finale della Coppa del Mondo.

Pete Pattisson, Imran Mukhtar e Praveen Yadav scrivono il guardiano:

Dicono che il messaggio è arrivato come uno shock, perché i loro contratti avevano ancora tre mesi da scadere. Sono stati quindi incaricati di riscuotere l'ultimo stipendio per i giorni in cui avevano lavorato a dicembre e di lasciare il loro alloggio.

Pochi giorni dopo la finale si ritrovarono improvvisamente senza lavoro e senza casa. "Quando avevano bisogno di te, ti hanno trattato bene, ma ora hanno chiuso con te, non sei niente per loro", disse Jacob.

"Non ti abbiamo deluso in alcun modo"

Questi lavoratori non solo sono stati trattati come usa e getta una volta terminato il torneo, ma ora vengono puniti per aver chiesto quanto dovuto loro. Jacob, Patrick e altri sette intervistati dal Guardian credevano che sarebbero stati impiegati per sei mesi come da quanto stabilito nei loro contratti di lavoro.

Jacob, Patrick e centinaia di altre guardie di sicurezza hanno cercato di negoziare con il loro datore di lavoro Stark Security per ricevere gli stipendi che avevano previsto, ma sono stati accolti con ostilità. La Stark Security ha persino ordinato al campo di lavoro di smettere di servire loro cibo.

Jacob ha spiegato a il guardiano:

"Abbiamo detto loro: siamo ancora disposti a lavorare", ha detto Jacob. “Non ti abbiamo deluso in alcun modo, non abbiamo commesso alcun crimine; se desideri smettere [di assumerci], devi compensarci per questi tre mesi rimanenti.

Secondo quanto riferito, centinaia di lavoratori sono stati portati in un centro di detenzione con oltre 200 lavoratori presumibilmente deportati.

Scegli un azione

La comunità di Freedom United ha chiesto urgentemente alle autorità del Qatar e alla FIFA di impegnarsi a proteggere i lavoratori migranti dallo sfruttamento e porre rimedio alle violazioni dei diritti umani subite a seguito del torneo.

Oggi, i lavoratori migranti in Qatar continuano a subire sfruttamento e maltrattamenti. Mantieni lo slancio per la giustizia firma oggi la petizione.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più