Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Preoccupazioni per i lavoratori migranti nelle fattorie e negli stabilimenti di carne degli Stati Uniti a causa della diffusione del COVID-19

  • Edizione del
    1 Maggio 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19, lavoro forzato
Banner eroe

COVID-19 si sta diffondendo rapidamente attraverso la forza lavoro in gran parte immigrata delle fattorie e delle fabbriche di carne statunitensi, ma protezioni insufficienti significano che molti lavoratori migranti non hanno altra scelta che continuare a lavorare e poche opzioni se perdono il lavoro.

I lavoratori agricoli e i trasformatori di carne sono particolarmente vulnerabili alle infezioni perché sono esposti a elevate cariche batteriche, pesticidi cancerogeni e altre sostanze chimiche, lavorando con poca igiene in condizioni anguste.

Tuttavia, come dipendenti immigrati, hanno pochissime protezioni cruciali come giorni di malattia, ferie retribuite o regolamenti contro lo sfruttamento. Molti vivono in alloggi improvvisati con servizi igienici comuni dove l'allontanamento sociale è impossibile.

Diversi stabilimenti di lavorazione della carne sono stati chiusi nell'ultimo mese a causa del COVID-19, ma i rapporti suggeriscono che i lavoratori si sono lamentati nei giorni e nelle settimane precedenti di essere stati costretti a lavorare sotto la minaccia di licenziamento in caso di malattia, senza dispositivi di protezione .

Altri impianti e fattorie, nel frattempo, rimangono operativi, con molti lavoratori migranti che continuano a lavorare nonostante la pandemia, compresi quelli che mostrano sintomi del coronavirus. I problemi di privacy implicano che spesso non è chiaro quante persone siano state infettate.

openDemocracy relazioni:

I trasformatori di carne lavorano sulla catena, una catena di montaggio frenetica in cui i lavoratori lavorano fianco a fianco ripetutamente affettando, strappando e trasportando carcasse di maiale, pollo, manzo e tacchino. “Lavoriamo fianco a fianco. Siamo molto vicini l'uno all'altro ", ha spiegato María, una veterana di 15 anni con Butterball, l'allevatore e trasformatore di tacchini. "Ho avuto febbre e sintomi influenzali, ma prendo Tylenol e continuo a lavorare." Sebbene un dipendente di ruolo come María abbia un'assicurazione sanitaria, non ottiene altri benefici. "Se ci ammaliamo o non siamo autorizzati a lavorare a causa della pandemia, non veniamo pagati".

Secondo Lariza Garzon, Direttore Esecutivo dell'EFM [Episcopal Farmworker Ministry], “Questa crisi sta evidenziando le iniquità che i lavoratori vivono ogni giorno. I lavoratori stanno lottando con la mancanza di protezione sul lavoro, preoccupazioni per la loro salute, non qualificandosi per gli aiuti governativi, salari bassi, alloggi poveri, mancanza di assistenza all'infanzia, paura per il loro stato di immigrazione, ecc. "

Il più grande trasformatore di carne degli Stati Uniti, Tyson Foods, ha annunciato che avrebbe eliminato "qualsiasi effetto punitivo per la mancanza di lavoro a causa di malattia", ma si è fermato prima di offrire giorni di malattia retribuiti.

Quando gli impianti e le fattorie chiudono a causa della pandemia, i lavoratori migranti che perdono il lavoro e il reddito spesso non sono in grado di accedere a servizi di assistenza quali indennità di disoccupazione, assistenza sanitaria, assistenza all'infanzia, lasciandoli in una posizione precaria ad alto rischio di sfruttamento .

Come sottolinea il direttore dell'EFM Garzon, la pandemia sta semplicemente smascherando le ingiustizie esistenti; i lavoratori immigrati negli Stati Uniti devono continuare ad affrontare uno sfruttamento diffuso e protezioni insufficienti.

Freedom United sta lavorando sulla questione prendendo di mira la California, il più grande produttore agricolo del paese. Insieme ai nostri partner della Coalition to Abolish Slavery and Human Trafficking (CAST), stiamo facendo una campagna per modificare una legge proteggere tutti i lavoratori temporanei dallo sfruttamento, indipendentemente dalla categoria di visto.

Poiché la pandemia rivela quanto siano cruciali queste protezioni, stare con i lavoratori migranti vulnerabili e aggiungi il tuo nome oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più