Al nesso tra povertà e traffico di organi

Al nesso tra povertà e traffico di organi: il villaggio di “Kidney Valley”

  • Edizione del
    1 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Traffico di organi
Banner eroe

In Nepal c’è un villaggio annidato ai piedi dell’Himalaya, ufficialmente chiamato Hokse, ma comunemente noto come “Kidney Valley”. Ad almeno una persona in ogni famiglia di questo villaggio sono stati prelevati e venduti illegalmente i propri reni. Motivati ​​dalla disperazione e dalla povertà, molti di coloro che portano cicatrici condividono le loro storie e rivelano un problema più ampio di sfruttamento e vulnerabilità che è pervasivo nella “Kidney Valley”.

Misure disperate

La prevalenza del traffico di organi nella “Kidney Valley” è direttamente correlata al grado di povertà del villaggio. Per molti anni gli intermediari, sfruttando le difficoltà economiche, hanno costretto innumerevoli persone del posto a vendere i loro organi. Cordelia Lynch di Sky News:

“La gente del posto ha cercato disperatamente di scrollarsi di dosso quell’infamia negli ultimi anni – si sente ingannata, danneggiata da essa. Alcuni dicono che sono stati sfruttati, altri sostengono che gli fosse stato addirittura detto che i loro reni sarebbero ricresciuti. Alcuni sono morti a causa di ciò che è stato fatto ai loro corpi”.  

Kanchha è un uomo di quarant'anni dell'Hokse e dice di soffrire ancora e di non essere in grado di lavorare a causa degli effetti collaterali dell'intervento. Afferma: "È impossibile contare quante persone lo hanno fatto, ovunque, in questo villaggio, in quel villaggio, così tante persone hanno venduto i loro reni".

Suman, 31 anni, afferma di essere così disperato dal punto di vista finanziario ed emotivo da sentire che la sua unica opzione era porre fine alla sua vita o viaggiare in India per vendere il suo rene a una donna che fingeva di essere sua sorella.

Lavoratori migranti nepalesi e insufficienza renale

Mentre il villaggio cerca di dimenticare la sua storia dolorosa con l’espianto illegale di organi e le terribili conseguenze che ne sono derivate, il Nepal si trova ad affrontare un’altra crisi, dove ancora una volta i reni sono al centro della crisi. Mentre la povertà persiste, i lavoratori migranti nepalesi cercano sollievo economico in altri paesi solo per affrontare un nuovo pericolo: l’insufficienza renale dovuta alle condizioni di lavoro dure e di sfruttamento.

Spesso viaggiando per lavorare nei paesi del Golfo, questi lavoratori sono esposti a caldo estremo e disidratazione. Al ritorno a casa, uomini un tempo sani hanno ora un disperato bisogno di un trapianto di rene.

Jit Bahadur Gurung, un lavoratore migrante di 29 anni in Arabia Saudita, afferma:

“Ho dovuto lavorare in condizioni di caldo estremo – circa 50 gradi, non avevamo tempo per pranzare, andare in bagno o bere acqua. Mi stavo surriscaldando. All'improvviso ho sentito i piedi gonfiarsi e non potevo camminare. Poi mi è stato detto che il mio rene aveva ceduto”.

Il dottor Pukar Shresth, un chirurgo specializzato in trapianti di organi, spiega di aver notato un modello di giovani uomini che andavano a lavorare in ambienti caldi, bevevano poca acqua e tornavano con "reni completamente guasti", afferma:

“È molto grave perché circa un terzo di tutti i trapianti riguardano lavoratori migranti provenienti dall’estero. Ciò ha causato un onere enorme alle nostre risorse sanitarie, poiché rappresentano oltre il 30% del numero totale di trapianti nel nostro Paese”.

Perseguire la causa principale

Un ampio divario tra domanda e offerta alimenta il traffico di organi e la mancanza di donatori consenzienti e disponibili ha dato origine a un mercato nero. Si stima che un organo trapiantato su dieci sia stato oggetto di traffico. Con le condizioni di lavoro estreme che molti uomini migranti nepalesi si trovano ad affrontare e che provocano insufficienza renale, la domanda di reni non fa che aumentare e l’incentivo per il commercio illegale di organi diventa sempre più forte.

Aumentando la consapevolezza e mobilitando il sostegno, possiamo affrontare le cause profonde del traffico di organi e sostenere la protezione delle comunità vulnerabili come quelle della “Kidney Valley”. Mentre affrontiamo le complessità della povertà, dello sfruttamento e delle crisi sanitarie, restiamo uniti nella nostra determinazione a salvaguardare la dignità umana e combattere la piaga del prelievo illegale di organi. Unisciti agli sforzi della nostra campagna firmando la nostra petizione oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più