La nuova politica del Regno Unito aumenterà il rischio di suicidio per i sopravvissuti alla tratta - FreedomUnited.org

La nuova politica britannica aumenterà il rischio di suicidio per i sopravvissuti alla tratta

  • Edizione del
    23 aprile 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, diritto e politica
Banner eroe

Il Royal College of Psychiatrists (RSP) del Regno Unito ha pubblicato questa settimana un rapporto che invita i parlamentari britannici a non detenere i sopravvissuti alla tratta e alla tortura sulla base della loro estrema vulnerabilità al rischio di depressione e suicidio.

Secondo il presidente della RSP, il dottor Adrian James, questi gruppi hanno bisogno dell'accesso ai servizi di salute mentale che non sono disponibili nei centri di detenzione. Hanno bisogno, insiste, di rimanere all'interno della comunità.

Ma il ministro dell'Interno britannico, Priti Patel, intende arrestare più sopravvissuti alla tratta - consapevolmente - se il loro stato di immigrazione è insicuro. In base alle politiche esistenti, i sopravvissuti alla tratta identificati vengono automaticamente presi in considerazione per il rilascio dalla detenzione in modo che possano iniziare a riprendersi dal trauma e dall'ingiustizia del loro maltrattamento. Dal 25 maggio in poi, verranno rilasciati solo i sopravvissuti che sono determinati a essere a rischio di "danni futuri".

L'autore principale del rapporto RCP, ha detto il professor Cornelius Katona l'indipendente:

“Le condizioni pericolose dei centri di detenzione per immigrati stanno esponendo un gruppo di persone vulnerabili a un rischio molto maggiore di peggioramento della salute mentale e suicidio.

“Il governo deve interrompere la detenzione di richiedenti asilo e sopravvissuti alla tratta con una malattia mentale e consentire loro di ricevere il sostegno di cui hanno bisogno, sia nella comunità che in un ospedale.

"Il personale che lavora in questi centri deve anche essere formato per identificare i primi segni di una malattia mentale e per salvaguardare i detenuti con limitata capacità decisionale".

Il RCP afferma che i centri di detenzione non sono attrezzati per effettuare questa valutazione del danno futuro in modo accurato. Sottolineano che: “Le persone con malattie mentali significative possono avere particolari difficoltà ad essere efficaci difensori di sé. La loro stessa vulnerabilità potrebbe impedire loro di fornire prove adeguate di tale vulnerabilità ".

Questo è ancora un altro modo in cui il Ministero dell'Interno del Regno Unito sta creando un ambiente pericoloso per i sopravvissuti alla tratta invece di sostenerli: una posizione incoerente per un governo che afferma di guidare il mondo nella protezione dei moderni sopravvissuti alla schiavitù per ricostruire le loro vite.

Secondo il dottor James, “Molti sono stati soggetti a eventi orribili che sono solo aggravati dai centri di detenzione per immigrati. Il governo deve porre fine alla pratica della detenzione di richiedenti asilo malati di mente ". Freedom United e i suoi partner lo sono chiedendo urgentemente al Regno Unito di rivedere questa politica e smettere di trattenere i sopravvissuti.

Abbiamo lanciato una nuova campagna esortando i governi a smettere di detenere i sopravvissuti per non avere lo status di immigrato sicuro e soddisfare gli standard internazionali progettati per proteggere i sopravvissuti da ulteriori traumi e rivittimazione.

Firma la petizione e unirsi all'appello globale ai governi affinché cessino la detenzione dei sopravvissuti alla tratta e liberino dalla detenzione tutti i sopravvissuti potenziali e confermati.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Questa settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più