Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Gli Stati Uniti mettono fine ai vantaggi commerciali della Mauritania sulla schiavitù

  • Edizione del
    6 Novembre 2018
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù domestica, lavoro forzato, legge e politica
Banner eroe

Citando il fallimento della Mauritania nel porre fine al lavoro forzato, gli Stati Uniti hanno dichiarato che porranno fine ai vantaggi commerciali della Mauritania ai sensi dell'African Growth and Opportunity Act (AGOA).

La mossa, che entrerà in vigore all'inizio del prossimo anno, fa parte di una revisione annuale dell'ammissibilità AGOA.

Campagna correlata: Libera gli attivisti anti-schiavitù della Mauritania.

L'AGOA consente il commercio esente da dazi per alcune merci, ma l'ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti afferma che la Mauritania non soddisfa i requisiti AGOA perché non ha compiuto progressi sufficienti per porre fine al lavoro forzato.

Quarzo relazioni:

Per ottenere il suo status di ammissibilità AGOA e ripristinare i vantaggi commerciali, la Mauritania, uno dei paesi più poveri del mondo, dovrà "sradicare il lavoro forzato e la schiavitù ereditaria", afferma l'ufficio di rappresentanza commerciale degli Stati Uniti.

È una condizione che sarà probabilmente presa in forte considerazione dal governo del paese data la posta in gioco alta: le importazioni statunitensi dalla Mauritania hanno totalizzato $ 61 milioni nel 2017, con un aumento del 22% rispetto al 2016. Le principali importazioni sono state combustibili minerali, pesce e fertilizzanti.

L'amministrazione Trump ha emesso una sospensione parziale dell'AGOA sulle esportazioni dal Ruanda all'inizio di quest'anno in una disputa sulla decisione del paese dell'Africa orientale di aumentare le tariffe sull'importazione di vestiti di seconda mano dagli Stati Uniti. Per rappresaglia, l'amministrazione ha tolto al Ruanda il privilegio di esportare indumenti esenti da dazio negli Stati Uniti.

La Mauritania è stata a lungo criticata per la sua incapacità di affrontare la schiavitù, più recentemente dall'Unione africana.

A gennaio, l'organismo ha stabilito che la Mauritania non aveva applicato adeguatamente le leggi contro la schiavitù e ha dato deboli punizioni ai proprietari di schiavi.

La Mauritania è al sesto posto su 167 paesi nel Global Slavery Index con circa 90,000 persone che vivono in condizioni di schiavitù moderna.

Il governo è stato anche criticato per aver incarcerato attivisti anti-schiavitù, tra cui Biram dah Abeid.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più