Matrimoni precoci forzati in Malawi

Spezzare le catene della tradizione: combattere i matrimoni precoci in Malawi

  • Edizione del
    29 Novembre 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Matrimonio forzato
Banner eroe

Nel cuore del Malawi, i matrimoni precoci forzati continuano nonostante siano stati messi fuori legge nel 2017. La storia di Tamara*, condivisa dal BBC, svela la dura realtà sopportata dalle giovani ragazze.

Infanzia rubata

Le norme culturali e le lotte economiche spingono le famiglie a dare via le proprie figlie, perpetuando un ciclo di sfruttamento e abuso. Secondo la ONG Girls Not Brides, oltre il 40% delle ragazze in Malawi si sposano prima dei 18 anni.

Tamara era una di queste. Alla vulnerabile età di 12 anni, la disperazione economica la portò a essere venduta a un sindacato illegale per la misera cifra di 7 sterline/9 dollari. Nel matrimonio, Tamara ha subito mesi di abusi finché l'intervento dei servizi sociali ha costretto il marito a fuggire. Poi si rese conto di essere incinta – a 12 anni. Ormai ha dato alla luce un bambino sano e sta ricevendo il sostegno della ONG locale People Serving Girls At Risk.

“Ha il sostegno della comunità e di sua zia, ma il vero lavoro inizia adesso. Sarebbe meglio per lei tornare a scuola, ma deve anche sostenere suo figlio”. – Caleb N'gombo, direttore esecutivo di People Serving Girls At Risk

Leadership locale contro i matrimoni precoci

In mezzo alla silenziosa disperazione, Radio Mzati emerge come un faro di cambiamento. Il loro programma, “Ticheze Atsikana”, sponsorizzato da AGE Africa, coinvolge oltre quattro milioni di ascoltatori, prevalentemente donne nelle zone rurali come quella di Tamara. Questa piattaforma educa e dà potere, favorendo un dialogo che sfida le norme tradizionali. Man mano che figure influenti nella comunità si uniscono alla causa, la narrazione si sposta verso l’offerta di istruzione e consapevolezza come formidabile scudo contro le catene dei matrimoni precoci.

“Quando le ragazze ricevono un’istruzione e conoscono i propri diritti, sanno che possono ricevere aiuto per fermare i matrimoni precoci. Fa parte della nostra missione far parlare le ragazze, condividere le loro storie e sapere che esiste un altro modo. " – Lucy Morris, AGE Africa

Nella lotta contro i matrimoni precoci, i capi locali stanno diventando alleati cruciali. Nonostante le sfide, alcuni leader tradizionali stanno adottando misure per scoraggiare e rifiutare i matrimoni precoci. Tuttavia, riconoscono la difficoltà nell’individuare unioni segrete, sottolineando la responsabilità condivisa dei capi e delle famiglie nel combattere questa questione profondamente radicata. Mentre questi leader della comunità sono alle prese con le complessità, il loro coinvolgimento segnala una crescente consapevolezza e un potenziale punto di svolta nella battaglia contro i matrimoni precoci in Malawi.

Aiutaci a porre fine ai matrimoni precoci forzati!

C’è molto lavoro da fare prima che i matrimoni precoci vengano sradicati in Malawi e nel mondo. Unisciti alla lotta per porre fine ai matrimoni precoci forzati!

* Nome cambiato nella storia originale.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più