Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Freedom United manifesta contro il lavoro forzato alla New York Fashion Week

  • Edizione del
    10 settembre 2021
  • Categoria:
    Lavoro forzato, filiera
Banner eroe

Il 9 settembre, Freedom United con i nostri partner Campaign for Uyghurs, SumOfUs, No Business with Genocide e Uyghur Human Rights Project ha organizzato una protesta fuori dalla sede principale della sfilata per la New York Fashion Week 2021, gli Spring Studios.

Decine di sostenitori di organizzazioni per i diritti umani, tra cui il Movimento ebraico per la libertà degli uiguri e gli studenti per un Tibet libero, si sono presentati questa mattina piovosa per mostrare una forza unita contro il lavoro forzato uiguro mentre gli appassionati di moda arrivavano per partecipare agli eventi della settimana della moda.

I modelli vestiti di nero con etichette che rappresentano marchi di moda problematici che sono stati identificati come legati al lavoro forzato uiguro, come Zara, Nike e Uniqlo, sono rimasti in silenzio tra i manifestanti.

Yahoo vita! rapporti,

Da marzo 2020, i consumatori e le aziende sono ancora più consapevoli del lavoro dietro le loro etichette. Con i ricercatori che accumulano prove di centinaia di migliaia di uiguri (il gruppo etnico turco musulmano che vive prevalentemente nello Xinjiang) che svolgono lavori forzati nella regione cinese dello Xinjiang, tutto, dal cotone e abbigliamento ai prodotti a base di pomodoro, è stato oggetto di un attento esame.

Tra le sanzioni più severe degli Stati Uniti su tali prodotti, marchi come Nike, Zara, Uniqlo e Hugo Boss sono stati chiamati per legami con il lavoro forzato o cotone contaminato nelle loro catene di approvvigionamento.

Tra i relatori, Lobsang Tseten, associato di Studenti per una campagna per il Tibet libero, ha condannato la complicità delle imprese nel lavoro forzato uiguro per proteggere gli interessi commerciali. "Mi addolora sentire parlare di uiguri nei campi di concentramento... forzati nei campi di lavoro e mi fa ugualmente infuriare sapere di questi marchi che traggono profitto dalla produzione dai campi di lavoro forzato".

Omer Kanat, direttore dell'UHRP, parlando alla manifestazione, ha ringraziato organizzazioni come Freedom United per aver dato speranza al movimento per liberare gli uiguri.

Freedom United sta conducendo una campagna contro il lavoro forzato uiguro da oltre un anno e fa parte del comitato direttivo della Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura, che è sostenuta da circa 400 organizzazioni e gruppi uiguri. Attraverso la coalizione, esortiamo i marchi a uscire dalla regione uigura.

“Per mostrare al mondo che le persone contano più dei profitti, tutti i marchi di moda devono firmare la Call to Action per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura. La portata della persecuzione e dello sfruttamento è ora innegabile ed è oltre il tempo per coloro che devono ancora firmare per farsi avanti". Joanna Ewart-James, direttore esecutivo di Freedom United.

Insieme ai nostri partner, abbiamo anche organizzato una passerella digitale video pubblicato lo stesso giorno con attivisti, influencer e la stilista svedese Louise Xin, che invitano i marchi di moda a tagliare i legami con il lavoro forzato uiguro. Xin ha recentemente realizzato la copertina di Vogue Scandinavia per il lancio digitale della sua nuova collezione, portando l'attenzione sulla difficile situazione degli uiguri e invitando i marchi a firmare la Call to Action.

Sebbene alcuni marchi abbiano firmato la Call to Action, la maggior parte no. L'industria della moda deve essere consapevole che le persone non accetteranno più l'inazione.

Più di 80,000 hanno ora aggiunto il loro nome alla petizione di Freedom United che chiede la fine del sistema di lavoro forzato del governo cinese.

Prendi una posizione e aggiungi il tuo nome oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più